©  Meta Catania C5
Calcio a 5, Serie A: il Maritime ospita il Catania nel derby siciliano

Al PalaJonio, i padroni di casa cercano di ripartire dopo le brutte sconfitte contro Lazio e Came Dosson. Quarti in campionato, con 32 punti, rischiano il sorpasso di Real Rieti e Feldi Eboli. Gli ospiti, in grande forma, sono a caccia di una vittoria per avvicinarsi al gruppo di testa, ma dovranno fare a meno di Pedro Espindola, squalificato

Un derby da playoff. Maritime Augusta e Meta Catania si affrontano nel venerdì del 19° turno di Serie A per cercare punti importanti per la classifica e, soprattutto, una gioia da regalare ai rispettivi tifosi (la diretta, alle 20.30, su Lapresse.it). All'andata gli etnei vinsero 3-2, con il gol di Ernani De Oliveira sulla sirena, e inflissero la prima sconfitta della stagione ai biancazzurri. Ma quello era tutto un altro campionato. Il Maritime era primo in classifica, con un pareggio e sei successi, e sembrava inarrestabile, mentre ora è scivolato al quarto posto e attraversa un periodo molto difficile. Il Catania, sesto, a -5 dall'Augusta, è invece in un ottimo stato di forma e nelle ultime giornate proverà a riavvicinarsi alle posizioni di testa.

È un momento particolare per il Maritime, spesso vincente in casa, ma quasi sempre sconfitto in trasferta. A metà febbraio la squadra siciliana ha cambiato allenatore per la seconda volta, dopo le dimissioni di Tiago Polido che è stato sostituito dal suo vice, Everton Batata. L'avvicendamento, però, non ha ancora dato frutti: i siciliani vengono dalla sconfitta 3-2 contro la Lazio, nello spareggio per accedere alle Final Eight di Coppa Italia, e da quella ancora più pesante del 18° turno di Serie A, in cui hanno perso 6-1 con la Came Dosson. Il Maritime è comunque in una buona posizione di classifica, quarto a -2 dal Napoli, ma, se dovesse perdere anche il derby, rischierebbe di farsi superare in un solo colpo da Real Rieti e Feldi Eboli. Per invertire la tendenza, coach Batata avrà bisogno di tirare fuori il meglio dai suoi, tutti a disposizione, soprattutto in fase offensiva, dove l'apporto dei soli Manoel Crema e Leandro Simi, migliori marcatori del club con nove gol a testa, non può bastare.

L'Augusta si troverà di fronte una squadra in salute, che gioca un grande futsal, ma che a volte raccoglie meno di quanto potrebbe. Dopo la vittoria per 8-2 nello spareggio per le Final Eight di Coppa Italia, contro la Colormax Civitella, e quella per 7-4 con il Real Arzignano, in campionato, il Catania si è fermato sul 2-2 nel recupero del 13° turno contro la Lollo Caffè Napoli. Nonostante i 17 gol nelle ultime tre partite, il freno della Meta è proprio la fase offensiva: con sole 49 reti segnate, l'attacco catanese è il decimo del campionato. Molti dei punti realizzati dalla Meta sono passati per i piedi di capitan Carmelo Musumeci, miglior marcatore con 13 gol, che sarà presente anche al PalaJonio. Chi non ci sarà, e questa è un'assenza che si farà sentire, è un pilastro della squadra come Pedro Espindola, squalificato e unico indisponibile. Per strappare punti al Maritime, coach Salvatore Samperi dovrà fare affidamento sul gioco di squadra e sulla fase difensiva. Con 53 gol subiti, i siciliani hanno la quinta miglior retroguardia del campionato: è questo il vero punto di forza della rosa.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata