©  Massimo Rinaldi
Calcio a 5, Serie A: Kakà regala il derby al Real Rieti

Guidati dall’italobrasiliano, i ragazzi di Mannino battono 4-2 una buona Lazio. Per i biancocelesti tanti errori ma anche la consapevolezza di avere ottime risorse per conquistare la salvezza

 

Le grandi chiamano, Rieti risponde. Dopo aver assistito alle vittorie di tutte le favorite nella lunga corsa ai playoff, la squadra di Massimiliano Mannino supera una Lazio inferiore tecnicamente ma trascinata dalla voglia dei tanti giovani in squadra e lancia un messaggio chiaro alle avversarie per il titolo: Acqua&Sapone, Pesaro, Napoli e Maritime. Protagonisti della serata il neoacquisto Kakà, ex Kaos Futsal, con una doppietta e Chimanguinho, tornato a Rieti dopo quattro anni. Dall’altra parte la Lazio può rimproverarsi molto poco visto l’avversario e deve guardare con fiducia alla lotta salvezza sperando che uno dei tanti giovani talenti in squadra possa esplodere per provare a scalare qualche posizione in più.

LA PARTITA - “Ora si fa sul serio”. Lo striscione sugli spalti del PalaMalfatti, appeso dai tifosi del Real Rieti sembra un’esagerazione, in fondo siamo solo alla prima in campionato, ma sottolinea la voglia del pubblico di arrivare fino in fondo quest’anno e la squadra sembra recepire subito il messaggio. Nei primi tre minuti è dominio dei padroni di casa che al 3’ vanno vicini al gol con la traversa di Rafinha. Il vantaggio, però, è solo una questione di tempo e pochi secondi più tardi è Kakà a segnare l’1-0. Nicolodi si libera bene di un avversario e calcia in porta, il tiro viene deviato e al brasiliano basta appoggiarlo in rete. Nonostante il gol subìto la Lazio reagisce con la calma che non ci si aspetterebbe dal giovane gruppo di Reali: attenta in difesa e pronta a ripartire. Ed è proprio uno dei talenti biancocelesti a segnare il gol del pareggio al 9’. Ciarrocchi, portiere della Lazio, lancia lungo verso Misael e il numero 10 è bravo ad anticipare di testa Garcia Pereira. Dopo il pareggio Rieti sbanda ma gli ospiti non riescono mai a trovare il tempo giusto per la giocata e subiscono il 2-1 di Chimanguinho in un deja vu a parti invertite: lancio lungo di Garcia Pereira con i piedi e testa dell’italo brasiliano che supera Ciarrocchi in uscita. Nel finale Rieti potrebbe anche aumentare il vantaggio con un tiro libero di Kakà ma il portiere biancoceleste è attento e devia in angolo.

La ripresa inizia in fotocopia rispetto al primo tempo con il Real Rieti in pressione per trovare il 3-1 e la Lazio che prova a difendersi senza riuscire a superare la metà campo. Al 6’ Kakà segna la doppietta personale grazie a uno splendido movimento sul piede perno in stile basket, concluso da un sinistro imparabile. Raggiunto il doppio vantaggio i padroni di casa non abbassano i ritmi ma continuano ad attaccare e calano il poker sfruttando il portiere di movimento inserito dalla Lazio: Chimanguinho recupera la palla e segna a porta vuota. La partita sembra chiusa ma a quattro dalla fine Biscossi, servito dall’ottimo assist del pivot Chilelli, accorcia le distanze. Nel finale tanta confusione e poche occasioni con il Rieti in controllo grazie a un palleggio senza sosta negli ultimi secondi di gara. Alla sirena i giocatori di Mannino festeggiano con il numeroso pubblico del PalaMalfatti. Il primo passo è stato fatto: ora si fa sul serio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata