Binotto, Dossena e Schwoch riuniti dal golf fanno punto su Serie A
Il Royal Park I Roveri di Torino ha accolto nella splendida cornice della Mandria un gruppo di ex calciatori

Un campione del mondo, un bomber di Vicenza e Torino, un centrocampista con quasi 200 presenze con la Juventus, un'ala amatatissima dai tifosi del Bologna e un ex attaccante soprannominato Il Puffo per la sua velocità. Oggi il Royal Park I Roveri di Torino ha accolto nella splendida cornice della Mandria un gruppo di ex calciatori composto da Beppe Dossena, Stefan Schwoch, Massimo Bonini, Jonathan Binotto e Lorenzo Marronaro. Prima di scendere sul campo da golf migliore d'Italia si sono raccontati a LaPresse, parlando della loro passione per lo sport sul green ma anche di Juventus, Torino e Olimpiadi.

TRA POGBA E DONADONI. Jonathan Binotto, ex ala del Bologna a cavallo tra gli anni '90 e '2000, commenta i cambiamenti della Serie A. Interviene sulla ormai scontata cessione di Pogba, il fluoriclasse delle ultime stagioni del campionato italiano: "Questa campagna acquisti è stata in linea con questa cessione, presi Pjainic e Higuain si può sacrificare un giocatore così importante che poteva darti molto a livello europeo".  E, poi, parla dell'allenatore del Bologna: "Donadoni ha tutte le carte in regola per dimostrare di essere in grado di fare bene. Se meritava una big come il Milan? Io me lo aspettavo, ma il calcio è anche questo, non credo sia finita la sua carriera a Bologna, avrà modo di farsi notare in futuro".

HIGUAIN E TORO. Stefan Schwoch, ex bomber di Napoli e Vicenza, si sofferma sul caso Gonzalo Higuain: "E' una cosa normale, nel calcio di oggi le bandiere non ci sono più, le ultime sono state Totti e prima Del Piero". E' positivo sui granata: "Credo che il Toro con i suoi grandi tifosi può cercare di entrare in Europa League".

MANASSERO E CHAMPIONS. Beppe Dossena, campione del Mondo 82' con l'Italia e scudettato con la Sampdoria, racconta a LaPresse le sue previsioni per le Olimpiadi di Rio. "Spero molto in Matteo Manassero. Ha avuto un periodo che sembrava importante, poi come succede nei molto giovani (il veneto ha 23 anni, ndr) ha avuto una curva in basso. Avrà un rimbalzo tecnico con un assestamento. Abbiamo bisogno di figure come lui". E sui bianconeri: "La Juve con Higuain ha indebolito la concorrenza, la Champions non deve diventare un'ossessione, altrimenti rincorreresti i fantasmi".

PJANIC OTTIMO GIOCATORE. Il sanmarinese Bonini parla invece del centrocampo juventino: "Pjanic è già un ottimo giocatore però dipende anche come sta Khedira. Matuidi? Sicuramente è un nome valido, ma è inutile dare consigli, mi sembra che alla Juve conoscano bene i giocatori, stanno lavorando bene tenendo anche in considerazione il bilancio. A questo punto devi fare il salto di qualità per cercare di lottare con le varie Real Madrid, Barcellona e Manchester".

TORO FARA' BENE. L'ex attaccante di Lazio e Bologna Lorenzo Marronaro parlava invece delle due torinesi:  "Hanno lavorato entrambi molto bene. La Juve sta facendo cose straordinarie da anni, il Torino è in scia: con l'avvento di Mihajlovic e del nuovo staff farà molto bene".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata