Attesa per Juve-Inter, Allegri: "Sfida scudetto ma non decisiva"
Spalletti carica i suoi: "A Torino per fare più punti possibili"

"E' una sfida scudetto se la intendiamo come una partita tra due squadre che alla fine si contenderanno il titolo insieme a Napoli, Roma e Lazio. Ma non è una partita che decide lo scudetto". Queste le parole del tecnico della Juventus Massimiliano Allegri in conferenza stampa alla vigilia del big match di campionato contro l'Inter. "Per come stanno andando le cose fino all'ultima giornata il campionato sarà in bilico. Per noi lo sarà sicuramente, abbiamo tre scontri diretti nelle ultime cinque partite".

"Giocare con l'Inter ci dà un grandissimo stimolo. Ci confrontiamo con la prima del campionato, una squadra che ha dei numeri pazzeschi. Ha la miglior difesa, non prende gol su palla inattiva, ha uno spirito importante. E' sempre il derby d'Italia, è una serata bellissima in cui giocare", ha proseguito. "Spalletti sta facendo un ottimo lavoro, confermando quello che ha fatto nell'arco della sua carriera. A Roma ha ottenuto risultati importanti, poi ha trovato una Juve che ha fatto meglio - ha aggiunto l'allenatore toscano elogiando il suo collega nerazzurro -  Sa sfruttare al meglio le caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione, penso che questa sia qualità migliore di un allenatore, quella di non fossilizzarsi su un modulo. Poi è molto bravo nella lettura, credo sia un valore importante per l'Inter".

SPALLETTI: A TORINO PER FARE PUNTI. Nonostante la tensione pre-partita, il tecnico nerazzurro cerca di mantenere la lucidità. "Andiamo a giocare questa partita tentando di fare più punti possibili". "Per arrivare agli obiettivi che abbiamo nella testa ci vogliono molti punti - ha detto in conferenza stampa - Ogni partita deve essere l'occasione per mettere dei punti in classifica. Noi sappiamo che realtà siamo, abbiamo individuato le nostre qualità e ne siamo sicuri".

"Non è una partita che cambia quelli che devono essere i pensieri e gli obiettivi. La strada è lunga, così come la corsa da fare. Bisogna mantenere i nervi saldi, l'equilibrio e la professionalità", ha continuato Spalletti. "Viene definito il derby d'Italia, è una sfida che ti carica di voglia di fare, però dobbiamo mantenere lucidità proprio per l'importanza della partita e l'insidia di caricarla troppo - ha aggiunto - Bisogna avere una testa pensante quando facciamo le cose, non dobbiamo mai perdere lucidità perché questo potrebbe diventar eun limite. A me sembra che la squadra si sia allenata bene e che abbia raggiunto quella personalità ne saper scegliere che faccia avere durante le partite".
 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata