Atalanta-Juve, Sarri: "Importante imporre il nostro gioco". CR7 non ce la fa
Atalanta-Juve, Sarri: "Importante imporre il nostro gioco". CR7 non ce la fa

Il tecnico bianconero in conferenza stampa alla vigilia del match della 13a giornata con la 'Dea': "Virtual coach? Sono 5 anni che uso tablet in panchina". Il portoghese non convocato per problemi fisici. 

La Juve prepara il delicato anticipo con l'Atalanta, in cui dovrà fare a meno di Cristiano Ronaldo a causa di un problema fisico. "L'obiettivo è riaverlo per la partita con l'Atletico", ha dichiarato in conferenza stampa Maurizio Sarri che spegne le polemiche. "Non c'è bisogno di chiarimenti con Cristiano. In certi momenti i giocatori vanno lasciati sbollire. Il problema è che martedì ci ha detto che non sta ancora bene. Per questo abbiamo approntato un programma per farlo allenare".

Buone notizie dall'infermeria: "Ritrovo i giocatori con alcuni piccoli acciacchi. Miralem Pjanic sarà a disposizione - ha continuato - Danilo sta meglio, Ramsey ora sta giocando di più. La problematica di Alex Sandro è meno grave di quello che era sembrato inizialmente". Recupero anche per Matuidi dopo quel problema alle costole "mentre abbiamo un problema all'adduttore per Rabiot e alla schiena per Cuadrado".

Quello di sabato pomeriggio al Gewiss Stadium alle 15 sarà già un esame per la 'Signora' che non può permettersi passi falsi. "Definire 'fastidiosa' l'Atalanta è riduttivo. La più bella descrizione l'ha data Guardiola: affrontarli è come andare dal dentista. Sono una squadra forte: bravi tecnicamente, oltre che aggressivi - afferma Sarri -. "Imporre la propria partita sarebbe importantissimo. Non sarà semplice, soprattutto a casa loro".

E sul Virtual Coach - un sistema innovativo che offrirà agli staff tecnici analisi in tempo reale della partita in corso - ha dichiarato: "Sono 5 anni che si utilizzano di nascosto i tablet, se gli arbitri utilizzano il VAR non capisco perchè noi non possiamo usare la tecnologia. E' da un po' che girano questi strumenti in panchina". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata