Arsenal nella bufera per il party da 34mila euro a base vodka e hippy crack

Dalle immagini pubblicate dal Sun, Ozil, Aubameyang, Lacazette, Kolasinac, Mkhitaryan, Mustafi e Guendouzi hanno festeggiato al Tape Club inalando ossido d'azoto da alcuni palloncini. Il club: "Faremo chiarezza"

Arsenal nella bufera per colpa di una festa. In un video pubblicato dal quotidiano inglese The Sun, alcuni calciatori dei Gunners - Ozil, Aubameyang, Lacazette, Kolasinac, Mkhitaryan, Mustafi e Guendouzi - hanno partecipato a un party da 30.000 sterline (quasi 34.000 euro) al Tape Club di Londra a base vodka, con una settantina di ragazze e soprattutto l'"hippy crack", una moda che consiste nell'inalare ossido di azoto contenuto all'interno dei palloncini. Una notizia che non è passata inosservata tanto che la dirigenza dell'Arsenal ha già avviato un'indagine interna: "Saranno chiamati a testimoniare e - ha fatto sapere il club - gli verrà ricordato che sono rappresentanti pubblici della società"

Cosa è l'hippy crack - In Inghilterra l'hippy crack è una sorta di "droga per chi non si droga". Un rituale molto pericoloso perché l'inalazione del gas misto agli alcolici, entrambi vasocostrittori, potrebbe causare ipertensione o infarto. 

La sostanza, usata normalmente per le anestesie, ha fatto effetto sui calciatori, come confermano le immagini. Ozil crolla semisvenuto con un palloncino pieno di gas in bocca, Lacazette, invece, dondola sul divano mentre ispira profondamente. Secondo il Sun, alla festa avrebbero preso parte anche Kolasinac, Guendouzi, Mkhitaryan e Mustafi, nonostante i quattro non compaiano nel video. 

Ozil infortunato per colpa di un videogioco? - Il party 'maledetto' è solo l'ultima notizia pubblicata su Mesut Ozil, fermo dal 5 ottobre scorso per infortunio. L'ex Real, infatti, è ancora alla prese con un fastidioso infortunio alla schiena che lo tormenta. Secondo la stampa inglese e quella tedesca, però, il problema del trequartista deriverebbe dalla dipendenza da videogiochi. Il Daily Star ha verificato, attraverso il portale "Wasted on Fortnite", che Ozil ha accumulato la bellezza di 5.221 partite nell'ultimo periodo giocate a "Fortnite", il che vuol dire una media di cinque ore al giorno trascorse davanti alla console.

Secondo un medico specialista consultato dalla Bild, questa dipendenza da videogame potrebbe ritardare il ritorno in campo del giocatore, causando un peggioramento dei suoi problemi alla schiena.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata