Il campione argentino ai saluti dopo una vita in blaugrana: "Momento più difficile della mia carriera. PSG? Andrò in un club che possa competere ad alti livelli"

È stato fatto tutto il possibile, io volevo rimanere. Era la volontà comune di tutti ma come ha detto il presidente Laporta per i motivi della Liga non è stato possibile”.

Lo ha detto Leo Messi nel corso della sua conferenza stampa di commiato dal Barcellona, al Camp Nou. “Sto lasciando il club della mia vita e cambierà tutto, ora dovrò ricominciare da zero. Sarà difficile ma riusciremo a farlo insieme, bisogna accettarlo e guardare avanti“, ha aggiunto il campione argentino in lacrime.

Nella platea dell’auditorium del Camp Nou presenti il presidente del Barcellona Joan Laporta, la moglie di Messi Antonella Rocuzzo e i giocatori della squadra del Barcellona con l’allenatore Ronald Koeman. Attese anche alcune leggende del club, ex compagni di Messi, come Xavi Hernandez.

È il momento più difficile della mia carriera, ho avuto molti momenti difficili con tante sconfitte ma ho sempre avuto la possibilità di rivincite, ma ora inizia qualcosa di diverso ed è complicato”, ha dichiarato Messi. “Da parte mia non ho mai finto e non credo di aver daro false speranze ai tifosi“, ha aggiunto. “Dopo aver incontrato Laporta dopo la sua elezione ero abbastanza sicuro di restare, ma non è stato possibile. È andata così, ma non ci sono dubbi sulla mia volontà di restare“, ha detto ancora Messi.

“Al Barcellona sanno che voglio continuare a competere a livelli alti per vincere tutto. Sono gli ultimi anni della carriera e voglio passarli allo stesso modo. Tutti sanno che sono fatto così. Per cui è scontato che andrò in un club che possa competere a livelli alti, questa è la mia intenzione“, ha concluso Messi.

Ieri il club blaugrana ha omaggiato Messi postando un video sui social che riassume la sua incredibile carriera al Barça, iniziata nel 2005.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da FC Barcelona (@fcbarcelona)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata