L'artista Marco Ferrigno: "Era come Lucifero, il più bello e ribelle di tutti"

“È il primo personaggio che metto come angelo, perché per me Maradona è l’angelo del calcio”. L’artista Marco Ferrigno, proprietario di una delle storiche botteghe di arte presepiale di via San Gregorio Armeno, a Napoli, racconta con commozione la realizzazione di una statuetta dedicata a Diego Armando Maradona – argentino d’origine, ma napoletano d’adozione – scomparso il 25 novembre a 60 anni. La statuetta del Pibe de Oro, con la maglia azzurra del Napoli, è stata completata con due ali d’angelo bianche e posta vicino a Gesù Bambino, Maria e San Giuseppe. “Lucifero, il diavolo per eccellenza, era un angelo, forse il più bello, e fu cacciato dal Paradiso perché si ribellò al Padrone. Diciamo che, per certi versi, Maradona è anche un po’ questo. Maradona si è ribellato a quella che era la società perfetta della quale non condivideva alcune scelte. Una ribellione che ha pagato a caro prezzo. È andato contro tutto e contro tutti. Una sorta di Don Chisciotte contro i mulini a vento. Rimarrà nella mente di tutti noi”, spiega Ferrigno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata