Al Nord via al piano anti-smog: stop a diesel più inquinanti

Stop, dal lunedì al venerdì e dalle 8.30 fino alle 18.30, per le auto e i veicoli commerciali diesel fino a Euro 3 e, nell'Emilia Romagna, fino a Euro 4

Al via il pacchetto 'anti-smog' firmato dalle Regioni del Nord Italia nell'accordo di bacino padano del 2017. Da oggi in Emilia Romagna, Lombardia e Veneto inizieranno le limitazione alla circolazione dei diesel più inquinanti fino al 31 marzo dell'anno successivo.

Diversa situazione in Piemonte. La Città Metropolitana di Torino ha rimandato i blocchi, che potrebbero però entrare in vigore fra una settimana, dopo che ci sarà un nuovo incontro con i Comuni interessati. "Abbiamo chiesto alla Regione Piemonte, rappresentata alla riunione del tavolo dal direttore dell'assessorato all'ambiente regionale Roberto Ronco, di illustrarci le modifiche che faciliteranno l'attuazione delle limitazioni tenendo conto delle esigenze di alcune categorie", ha spiegato il vicesindaco metropolitano Marco Marocco, "e giovedì 4 ottobre torneremo a riunire il tavolo per arrivare tutti insieme all'adozione nei tempi tecnici possibili di atti univoci in ogni Comune".

In particolare, nel piano firmato nel giugno del 2017 è previsto lo Un numero ingente di mezzi,stimato da il Sole 24 Ore in 1,1 milioni di vetture, che impatterà sulla vita quotidiana nelle città, con possibili difficoltà per chi si deve mettere alla guida. Le limitazioni alla circolazione, nate per dare risposta a una situazione sanzionata dalla Ue, non sono infatti uniformi a livello territoriale e fanno riferimento, oltre che ai Piani integrati regionali', alle amministrazioni comunali dei comuni coinvolti, ovvero quelli con più di 30mila abitanti che dovrebbero aver predisposto le delibere attuative.

La Regione Emilia Romagna, sullo stop in vigore dal 1^ ottobre 2018 a domenica 31 marzo 2019, ai mezzi dal maggiore impatto ambientale, ciclomotori pre-euro, benzina fino all'euro 1, diesel euro 1, 2, 3 e 4, fa sapere che è una misura "adottata tenendo però conto e tutelando le necessità quotidiane delle persone, delle famiglie e di chi lavora. Saranno infatti esentati dal divieto, fra gli altri, e potranno quindi circolare con qualsiasi mezzo possiedano, i lavoratori turnisti, chi si sposta per motivi di cura, assistenza, emergenza, chi accompagna figli e bambini a scuola, così come i meno abbienti, visto che potrà circolare il singolo guidatore con Isee annuo fino a 14mila euro. Così come il via libera riguarderà i mezzi alimentati a metano, Gpl, elettrici e ibridi e quelli con più di 3 persone a bordo qualunque sia il tipo di alimentazione. Oltre a numerose altre deroghe, fra cui quelle per le imprese". In Emilia Romagna sono interessate dalle limitazioni 30 città dell'Emilia-Romagna 19 tra capoluoghi di provincia o comunque aree urbane con oltre 30 mila abitanti: i divieti si applicano in via ordinaria dal lunedì al venerdì, dalle ore 8,30 alle 18,30, e nelle domeniche ecologiche e si estendono alle altre domeniche in caso di superamento per più di 4 giorni dei livelli di pm10 nell'aria.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata