Bio-on, in accordo con Hera nasce Lux-on: produrrà bioplastica da CO2

Una nuova sfida, ancora più ambiziosa, per Bio-on: la società emiliana, impegnata nella produzione di bioplastiche a partire dagli scarti agricoli, si prepara a utilizzare come fonte di carbonio per i propri polimeri naturali e totalmente biodegradabili anche l'anidride carbonica catturata nell'atmosfera. Una "materia prima" a costo zero che va ad aggiungersi ai melassi di barbabietola e canna da zucchero, agli scarti di frutta e patate, al glicerolo e all'olio di frittura esausto. Con un vantaggio in più: il processo industriale porterà anche a una riduzione della CO2 presente nell'aria che respiriamo. La realizzazione del progetto sarà affidata a Lux-on, una nuova società che vedrà presente nel capitale anche Hera, inizialmente con un 10%, ma con la possibilità di portarsi fino al 49,9%.