Giovedì 22 Settembre 2016 - 07:45

Zuckerberg investirà 3 miliardi per curare tutte le malattie

Annunciato un piano di investimenti del fondo di beneficenza 'Chan-Zuckerberg Initiative'

Zuckerberg investirà 3 miliardi per curare tutte le malattie

 Il ceo di Facebook Mark Zuckerberg e la moglie Priscilla Chan hanno annunciato, nell'ambito del loro fondo di beneficenza 'Chan-Zuckerberg Initiative', un piano di investimenti di 3 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni per aiutare gli scienziati a "curare, evitare o gestire tutte le malattie" entro la durata della vita dei loro figli. "Sono ottimista, ce la possiamo fare", ha scritto su Facebook Mark Zuckerberg, spiegando che a guidare il progetto sarà la dottoressa Cori Bargmann, esperta a livello mondiale di neuroscienze e genetica. Il primo progetto previsto dal piano è la creazione del Biohub, un centro di ricerca di bioscienza sul quale saranno investiti 600 milioni di dollari, in cui lavoreranno insieme scienziati e ingegneri.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Hiv, professor Poli: Più fondi alla ricerca, Aids è ancora emergenza

Hiv, professor Poli: Più fondi alla ricerca, Aids è ancora emergenza

Trent'anni fa fu approvato il primo farmaco contro il virus ma per gli studiosi c'è ancora tanta strada da fare

Il ministero della Salute lancia l'allarme sull'aumento del morbillo: Da gennaio +230%

Morbillo, il ministero della Salute lancia l'allarme: Aumento del 230%

Lorenzin: "Bisogna promuovere un'ulteriore campagna di responsabilizzazione sui vaccini"

Un antibiotico su due mal somministrato: arriva piano di controllo

Un antibiotico su due mal somministrato: arriva piano di controllo

L'Italia risulta essere tra i più elevati consumatori di antibiotici, superata solo da Belgio, Francia, Cipro, Romania e Grecia

Ultherapy, i consigli del dr. Manola sul lifting senza bisturi

Ultherapy, i consigli del dr. Manola sul lifting senza bisturi

Il chirurgo spiega il funzionamento del nuovo trattamento rigenerativo