Lunedì 14 Marzo 2016 - 09:15

Zimbabwe, morti 2 italiani: sono padre e figlio

Uccisi per errore nel parco nazionale di Mana Pool, collaboravano a una campagna anti-bracconaggio

Zimbabwe, morti 2 italiani: sono padre e figlio

La Farnesina ha confermato il decesso di due italiani in Zimbabwe, padre e figlio. Le vittime sono Claudio Chiarelli e il figlio Massimiliano. Entrambi, secondo quanto riferito dall'ambasciata d'Italia a Harare, erano residenti in Zimbabwe, dove vivevano e lavoravano. Il padre era del 1950 e il figlio era nato a Harare nel 1987. Claudio Chiarelli era un operatore turistico e lavorava come guida di safari professionista. I due italiani sono stati uccisi in un incidente avvenuto nel parco nazionale di Mana Pools, nel nord del Paese, vicino al confine con lo Zambia, dove Claudio Chiarelli si trovava, accompagnato dal figlio, in veste di guida per fornire supporto logistico alle autorità locali nell'ambito di una campagna anti-bracconaggio. Non ci sono ancora certezze sulla dinamica della morte dei due connazionali, ma sembrerebbe che siano stati uccisi per errore dalle squadre del parco nazionale di Mana Poolsì. Non pare che i due siano stati uccisi da bracconieri.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Giappone, Shinzo Abe verso la riconferma

Giappone, Abe vince elezioni anticipate nel giorno del tifone Lan

Maggioranza assoluta alla coalizione del governo secondo gli exit poll

Catalogna, Puigdemont: "Il peggior attacco dalla dittatura di Franco"

Dura la reazione del governatore dopo il commissariamento della regione

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Avanza il partito xenofobo Spd che vuole uscire dall'Ue, crollano i socialdemocratici del Cssd

Barcellona, in migliaia manifestano contro il governo

Catalogna, Rajoy destituisce Puigdemont. In 450mila scendono in piazza a Barcellona

Il governo di Madrid applica l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato