Mercoledì 13 Gennaio 2016 - 16:30

Zalone record: 'Quo Vado?' film italiano più visto di sempre

Il nuovo film di Zalone, solo nel primo giorno di programmazione, aveva incassato quasi 7 milioni di euro

Checco Zalone

Checco Zalone batte Checco Zalone. 'Quo Vado?' diretto da Gennaro Nunziante, ieri ha raggiunto un incasso di 52.161.579 euro (con 7.346.535 presenze in sala certificate Cinetel) dalla sua uscita il 1° gennaio: diventa così ufficialmente il film italiano con di maggior successo di sempre, scavalcando così il record precedente di 'Sole a catinelle' del 2013, che era arrivato a 51.948.550 euro.

Il nuovo film di Zalone, solo nel primo giorno di programmazione, aveva incassato quasi 7 milioni di euro, pari a un milione di biglietti staccati, battendo anche questa volta un record. Finora il film che aveva ottenuto, nel suo primo giorno nelle sale italiane, l'incasso più alto nella storia era stato 'Harry Potter e i doni della morte - Parte II' con 3,2 milioni di euro, seguito da 'Spiderman' (2,8 milioni) e l'ultimo capitolo della saga di 'Star Wars', con 1,8 milioni di euro.

TUTTI I RECORD DI CHECCO. Con 'Quo Vado?' Checco Zalone è tornato al cinema dopo aver realizzato con il primo film 'Cado dalle nubi' del 2009 oltre 14 milioni di euro; nel 2011, 'Che bella giornata' aveva incassato 43 milioni e 'Sole a catinelle' del 2013 aveva fatto registrare il più alto incasso della storia per un film italiano con oltre 52 milioni di euro al boxoffice.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pippa Middleton

Pippa Middleton vittima di un hacker: arrestato 35enne

Rubate 3mila foto della sua vita privata. Due anni fa prese di mira altre star

Pippa Middleton

Pippa Middleton vittima di un hacker: violato il suo iCloud

Una persona avrebbe cercato di vendere alcune foto private della famiglia reale ai tabloid inglesi

E' morto il critico cinematografico Gian Luigi Rondi: aveva 94 anni

Morto critico cinematografico Gian Luigi Rondi: aveva 94 anni

Ha diretto la mostra di Venezia ed è stato presidente del Festival di Roma