Domenica 15 Maggio 2016 - 11:45

Yemen, attacco kamikaze contro una stazione di polizia

Almeno 12 reclute rimaste uccise nel sud-est del Paese, l'Isis rivendica

Yemen

Sanaa (Yemen), 15 mag. (LaPresse/EFE) -  Sono almeno 12 le reclute rimaste uccise nell'attacco suicida contro una stazione di polizia nella città al Mukala, nel sud-est dello Yemen. Lo riportano fonti mediche e di sicurezza spiegando che nell'attentato sono rimaste ferite altri 30 aspiranti poliziotti.

Lo Stato islamico ha rivendicato l'attacco attraverso la sua agenzia di stampa Amaq e sui social network ha pubblicato una foto del presunto kamikaze, un giovane identificato come Abu al Baraa al Ansari che si è fatto saltare in alta grazie a una cintura esplosiva.

Secondo le prime ricostruzioni, l'attentatore è riuscito a infiltrarsi nel commissariato, nel quartiere di Fuà, e si è fatto esplodere dove alcune persone si trovano in file per entrare nella stazione di polizia.

Si tratta del secondo attentato che ha colpito la città, che è stato un hub di al Qaeda prima che l'organizzazione fosse respinta indietro dall'offensiva militare del mese scorso.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FRA, UEFA EL, Olympique Marseille vs Atletico Madrid

Francia, 32enne originario del Burkina Faso picchiato a morte da adolescenti

L'aggressione nel quartiere Saragosse venerdì sera. Massacrato da una gang di giovani, tra i 12 e 14 anni, che avrebbero usato anche il piede di una sedia di plastica

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela,Maduro riconfermato presidente

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione