Mercoledì 09 Marzo 2016 - 14:45

Yasmina Khadra: Contro l'Isis serve intervento di terra

Lo scrittore algerino Yasmina Khadra è convinto che per combattere lo Stato islamico non servano a nulla quelli che definisce "interventi folkloristici con bombardamenti aerei"

Yasmina Khadra

"In Libia contro l'Isis è assolutamente necessario un intervento militare di terra". Abituato a raccontare le ferite del mondo musulmano e dell'integralismo, lo scrittore algerino Yasmina Khadra (protagonista del festival 'Dedica' a Pordenone fino al 12 febbraio) è convinto che per combattere lo Stato islamico non servano a nulla quelli che definisce "interventi folkloristici con bombardamenti aerei". "Le truppe devono essere sul terreno. Tutte le vittorie militari si ottengono con la fanteria, non con i raid dal cielo", spiega Khadra, 61 anni, che nella sua prima vita nel Sahara si chiamava Mohamed Moulessehoul. Era un militare dell'esercito algerino e per sfuggire alla censura, come scrittore, decise di usare lo pseudonimo femminile di Yasmina Khadra, i nomi di sua moglie.

Autoesiliatosi in Francia nel 2001, ha pubblicato una trentina di libri tradotti in 40 Paesi. Il più recente è dedicato a Muammar Gheddafi, 'L'ultima notte del Rais' (Sellerio), in cui racconta in prima persona le ore precedenti alla sua uccisione. "Gheddafi a me sembra la figura di una tragedia moderna, remake di una tragedia antica", sottolinea Khadra. "La sua scomparsa - aggiunge - ha permesso ai rancori secolari di tutte le tribù libiche di tornare a galla; così oggi assistiamo al crollo verticale di tutte le istituzioni di questo Paese e alla consegna del popolo libico a un futuro incerto".

 

Come accade in Libia, Paese sprofondato nel caos e attraversato da milizie armate e jihadisti, l'Isis sfrutta l'incertezza politica di intere regioni per espandersi. "Daesh (acronimo arabo per Stato islamico, ndr) sta semplicemente occupando tutti gli spazi lasciati vuoti, e non si fermerà. Si alimenta di tutte le derive, di tutte le confusioni. È per questo che è imperativo non aspettare oltre. Daesh minaccia anche l'Europa, non solo l'Africa. E se non interverremo subito guadagnerà ancora terreno. Ogni minuto perso è a suo vantaggio", continua lo scrittore. Da osservatore privilegiato, Khadra racconta ancora che i francesi non si sono fatti fermare dalle stragi di Charlie Hebdo e del Bataclan: "Ho trovato la loro reazione ammirevole. Subito dopo gli attacchi hanno dato prova di grande solidarietà, anche se si sentono discorsi razzisti che sporcano questo loro slancio. I parigini in particolare hanno preso coscienza della loro vulnerabilità, ma la cosa davvero formidabile è che hanno deciso di vivere, di farlo normalmente, riprendendo da subito le loro piccole abitudini come passare del tempo nei caffè all'aperto. Penso che siano molto coraggiosi e allo stesso tempo molto vigili e consapevoli".
 

Scritto da 
  • Raffaella Caprinali
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Giappone, Shinzo Abe verso la riconferma

Giappone, Abe vince elezioni anticipate nel giorno del tifone Lan

Maggioranza assoluta alla coalizione del governo secondo gli exit poll

Catalogna, Puigdemont: "Il peggior attacco dalla dittatura di Franco"

Dura la reazione del governatore dopo il commissariamento della regione

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Repubblica Ceca verso destra: vince Babis, il 'Trump di Praga'

Avanza il partito xenofobo Spd che vuole uscire dall'Ue, crollano i socialdemocratici del Cssd

Barcellona, in migliaia manifestano contro il governo

Catalogna, Rajoy destituisce Puigdemont. In 450mila scendono in piazza a Barcellona

Il governo di Madrid applica l'articolo 155 della Costituzione: ora la palla passa al Senato