Martedì 11 Ottobre 2016 - 11:15

Wwf: Le centrali a carbone causano 20mila morti all'anno in Ue

I risultati del rapporto 'Spazzare via la nuvola nera d'Europa: tagliare il carbone salva vite umane'

Wwf: Le centrali a carbone causano 20mila morti all'anno in Ue

Porre limiti efficaci alle emissioni potrebbe salvare migliaia di vite ogni anno, eppure oltre la metà delle centrali elettriche a carbone in Europa operano con un "permesso di inquinare" superiore ai limiti stabiliti dalle leggi europee. Questi sono i risultati del rapporto 'Spazzare via la nuvola nera d'Europa: tagliare il carbone salva vite umane', pubblicato oggi dallo European Environmental Bureau - EEB,  dalla Health and Environment Alliance - HEAL, dal Climate Action Network - CAN, dal WWF e da Sandbag.

Il rapporto dimostra che applicando i criteri di prestazione ambientale alle centrali elettriche a carbone europee si potrebbero salvare 20.000 vite ogni anno. Impostando e applicando limiti di inquinamento in linea con le migliori tecniche testate e riconosciute nel settore, il numero annuale di morti premature causate dalla combustione del carbone potrebbe essere ridotto dalle 22.900 attuali a 2.600.

"Il rapporto rileva, inoltre - spiega il Wwf - che la legislazione vigente non riesce a perseguire gli obiettivi fissati per la salute a causa della concessione di deroghe speciali che consentono emissioni oltre i livelli di sicurezza concordati. Al momento della pubblicazione, oltre la metà delle centrali elettriche a carbone in Europa hanno "permessi a inquinare" oltre i limiti stabiliti nella direttiva sulle emissioni industriali". Prima della fine dell'anno l'Unione Europea e gli Stati membri avranno l'opportunità di adottare migliori standard di prestazione ambientale (descritti nel rivisitato LCP BREF - Large Combustion Plan Best available technique REFerence document"). "Accettando questi standard e applicando limiti effettivi in materia di inquinamento del carbone - spiega il Wwf - sarebbe possibile ottenere un reale progresso in termini di miglioramento della salute delle persone in tutta Europa. Il processo di revisione è già stato rinviato per più di due anni, con 5.600 morti che si sarebbero potute evitare e un costo sanitario totale di oltre 15.6 miliardi di euro".

Christian Schaible, Policy Manager sulla produzione industriale dello European Environmental Bureau (EEB), precisa che "e migliori tecniche disponibili richiamate nel rapporto sono tutte provate e testate, e la loro praticabilità tecnica ed economica era già stata dimostrata decenni fa. L'Unione Europea si considera leader mondiale nelle questioni ambientali, ma quando si tratta di carbone, i decisori hanno la testa immersa in una nuvola nera".

"Poiché non esistono tecniche che permettono la completa rimozione delle emissioni derivanti dalla combustione del carbone - è la conclusione del Wwf - e visto che gli impianti a carbone sono responsabili del 18% di tutti i gas ad effetto serra in Europa, per liberarsi da questa nuvola nera occorre la completa eliminazione delle centrali a carbone a favore delle fonti di energia rinnovabile, nonché una riduzione dei consumi energetici".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Hiv, professor Poli: Più fondi alla ricerca, Aids è ancora emergenza

Professor Poli: Più fondi a ricerca, Aids è ancora emergenza

Trent'anni fa fu approvato il primo farmaco contro il virus ma per gli studiosi c'è ancora tanta strada da fare

Il ministero della Salute lancia l'allarme sull'aumento del morbillo: Da gennaio +230%

Morbillo, il ministero della Salute lancia l'allarme: Aumento del 230%

Lorenzin: "Bisogna promuovere un'ulteriore campagna di responsabilizzazione sui vaccini"

Un antibiotico su due mal somministrato: arriva piano di controllo

Un antibiotico su due mal somministrato: arriva piano di controllo

L'Italia risulta essere tra i più elevati consumatori di antibiotici, superata solo da Belgio, Francia, Cipro, Romania e Grecia

Ultherapy, i consigli del dr. Manola sul lifting senza bisturi

Ultherapy, i consigli del dr. Manola sul lifting senza bisturi

Il chirurgo spiega il funzionamento del nuovo trattamento rigenerativo