Domenica 18 Giugno 2017 - 11:00

Voucher, Martina: Rispettiamo piazza ma servono regole nuove

Il vicesegretario Pd: "Il rischio sarebbe stato aumento lavoro nero"

Voucher, Martina: Rispettiamo piazza ma servono regole nuove

"Noi rispettiamo la piazza di ieri anche se abbiamo un'opinione diversa. È stato importante che il governo abbia abolito i vecchi voucher, troppo esposti in passato ad abusi e storture a danno dei lavoratori". Così il vicesegretario del Partito democratico e ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, in una intervista a 'Il Messaggero'.
"I nuovi strumenti individuati, utilizzabili da famiglie e imprese, sono invece regolati e controllati molto meglio a garanzia prima di tutto dei lavoratori stessi. C'è la tracciabilità totale attraverso l'Inps". "Abbiamo il massimo rispetto per posizioni diverse dalle nostre - continua Martina - segnalo comunque che i senatori di Campo Progressista hanno votato come noi la fiducia sulla manovra proprio pochi giorni fa". "Senza le nuove regole - conclude - il rischio sarebbe stato di un aumento del lavoro sommerso e irregolare. Il nostro impegno per la dignità e diritti nel lavoro non si ferma".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

"Si dovrebbe fare una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici da un punto di vista della qualità"

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra