Mercoledì 09 Marzo 2016 - 18:15

Voto donne, 91enne: Scelsi il re, lo consigliò il parroco

"Ci disse che votare per il re era più sicuro, perché era già ricco e potente"

Domenica Noello

Nel 1946, il piccolo paese di Bagnolo Piemonte, nel cuneese, era un borgo isolato ai piedi delle montagne, dove la Seconda guerra mondiale aveva spinto molti uomini e donne a imbracciare fucili e coraggio per diventare partigiani. Quell'anno, in Italia, le donne votarono per la prima volta. Il 10 marzo alle elezioni amministrative, poi il 2 giugno per nominare l'Assemblea costituente e per scegliere in un referendum tra monarchia e Repubblica. Domenica Noello era figlia del postino del paese, lavoro ottenuto dopo essere rimasto mutilato nella Grande guerra, mentre la madre si occupava della casa e dei figli. 

La donna, ora 91enne, aveva un fratello che durante la Seconda guerra mondiale si unì ai partigiani della 105esima Brigata Garibaldi e salì sulle montagne a combattere. In nome di quel fratello, anche lei si impegnò come 'staffetta', usando la bicicletta per portare messaggi e oggetti da un paese all'altro. "Lui al referendum votò per la Repubblica, perché era socialista. Io ho la memoria un po' debole, ma credo che votai per il re, come ci consigliò il parroco", racconta a LaPresse. "Ci disse che votare per il re era più sicuro, perché era già ricco e potente, quindi una volta al potere non si sarebbe dovuto mantenerlo". 

Interessante conoscere quale posizione assunsero gli uomini sul voto alle donne: "Mi ricordo che i giovani, sia ragazzi sia ragazze, erano felici di quella novità. Però c'era anche chi era contrario e diceva che permettere alle donne di votare era sbagliato. Ma c'era ostilità, a volte, anche verso gli elettori maschi giovani: questi rispondevano dicendo che se era stato giusto mandarli a morire in guerra, era giusto anche farli votare".

 

Scritto da 
  • Agnese Gazzera
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catania, maxi sbarco migranti a bordo della nave "Vos Hestia" di Save the children

Migranti, nave Save the Children perquisita dalla polizia a Catania

Le operazioni a bordo della Vos Hestia. L'Ong: "Noi estranei alle indagini, sospendiamo operazioni in mare"

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Incidente mortale a Riccione: passante fa diretta Fb ma non chiama i soccorsi

Indignazione sul web nei confronti del ventinovenne che ha messo online il decesso di un altro ragazzo

Legnano, operaio muore in seguito al crollo di un impalcatura

Puglia, reati contro la pubblica amministrazione: arrestati i sindaci di Torchiarolo e Villa Castelli

L'operazione dei carabinieri. In manette 12 persone tra cui anche vari dirigenti di uffici tecnici comunali