Domenica 19 Giugno 2016 - 00:00

Dieselgate, Volkswagen e il piano da 10 miliardi in Usa

I proprietari delle auto potranno richiedere la riparazione dei veicoli oppure rivenderli alla casa automobilistica

Dieselgate, Volkswagen presenterà in Usa piano da 10 miliardi

Volkswagen presenterà entro il 28 giugno alle autorità statunitensi un piano di accordo da 10 miliardi di dollari con cui risolvere lo scandalo emissioni dei veicoli a motore diesel, il cosidetto dieselgate. Lo ha riferito Bloomberg sul proprio sito web, citando una fonte informata sulla questione, rimasta anonima perché la notizia non è ancora ufficiale. Circa 6,5 miliardi saranno destinati ai proprietari delle auto, mentre 3,5 miliardi al governo americano e ai regolatori californiani. La proposta sarà presentata al giudice federale di San Francisco che si occupa dello scandalo. Il giudice valuterà la proposta il 26 luglio, scrive Bloomberg. Il piano, ha aggiunto la fonte, prevede tra le opzioni quelle che i proprietari delle auto possano richiedere la riparazione dei veicoli oppure rivenderli alla casa automobilistica.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Istat, aumentano gli occupati. Ma sono a tempo determinato

Occupazione in crescita, ma qualitativamente discutibile. Diminuiscono gli "scoraggiati"

AUT, Jahresrückblick 2017

Volano i bitcoin. La criptomoneta elettronica vale 12mila dollari

Il loro valore continua a salire. C'è timore di una bolla che potrebbe esplodere, ma anche la possibilità che salgano ancora