Venerdì 22 Aprile 2016 - 18:15

Volkswagen: No a divulgazione inchiesta, rischi inaccettabili

L'inchiesta "è già in uno stato avanzato e viene portata avanti intensamente"

 Volkswagen: No a divulgazione inchiesta, rischi inaccettabili

La divulgazione dei risultati provvisori dell'indagine interna condotta da Volkswagen per lo scandalo dieselgate "in questo momento, presenterebbe rischi inaccettabili" per il gruppo "e pertanto non può aver luogo". Così Vw in una nota. La casa tedesca fa sapere che l'inchiesta "è già in uno stato avanzato e viene portata avanti intensamente". Sulla base delle valutazioni attuali, lo studio legale Jones Day, incaricato da Vw, si aspetta che le indagini si concludano nel quarto trimestre 2016.

 

Circa 65 milioni di documenti sono stati sottoposti ad analisi elettronica, di cui oltre 10 milioni sono stati trasmessi per approfondimenti ai legali di Volkswagen. Sono stati inoltre condotti circa 450 colloqui sulla tematica Diesel e decine di ulteriori colloqui sono in programma. La decisione di non procedere alla divulgazione dei risultati provvisori insieme con i conti 2015, resi noti oggi dalla casa di Wolfsburg, "è basata sulla valutazione fatta dagli studi legali statunitensi a cui Volkswagen si è rivolta (Sullivan & Cromwell e Jones Day): entrambi, in maniera indipendente, hanno fortemente sconsigliato di procedere".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Wall Street il cuore dell'economia mondiale

Moody's mette sotto esame rating Italia: rischio retrocessione

Sotto la lente anche il contratto di governo M5S-Lega che include "potenziali costose misure su tasse e spesa, senza proposte chiare su come finanziarle"

Facebook and Instagram down

Antitrust, pubblicità occulta su Instagram sotto lente Garante

La conferma Giovanni Calabrò, direttore Direzione Generale per la Tutela del Consumatore Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Conte incontra le vittime delle banche, Calabrò (Antitrust): "Puntare su tutela"

Il direttore della Direzione Generale per la Tutela del Consumatore Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato commenta la visita del premier incaricato ai risparmiatori truffati