Mercoledì 19 Ottobre 2016 - 17:45

Vivendi a Mediaset: Una soluzione amichevole non è più la priorità

Nuovi sviluppi sulla vicenda Mediaset Premium

Vivendi a Mediaset: Ricerca di una soluzione amichevole non è più una priorità

Ad oggi Vivendi non ha più intenzione di dare la priorità alla ricerca di una soluzione amichevole e si riserva il diritto di prendere tutte le misure necessarie per difendere i suoi interessi e quelli dei suoi azionisti". Lo scrive la società francese in una nota dedicata a Mediaset e alla vicenda Mediaset Premium. Vivendi segnala di aver più volte dichiarato di essere "aperta alla discussione nella sua disputa con Mediaset" e di aver "continuamente cercato soluzioni alternative negli ultimi mesi". A fronte di quello che viene definito un "approccio costruttivo", la società francese scrive quindi che la risposta da parte di Mediaset e Fininvest è stata "la diffusione di dichiarazioni pubbliche aggressive e l'inizio di diverse azioni legali". Vivendi riafferma quindi che "il business plan di Mediaset Premium che ha ricevuto, che prevede un punto di pareggio nel 2018, si basa su assunti non realistici", motivo per cui il gruppo guidato da Vincent Bollorè "non può essere ritenuto responsabile per l'attuale situazione".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Esterni della sede del quotidiano il sole 24 ore in viale monte rosa a Milano

Sole 24 Ore, cda nomina Edoardo Garrone presidente

La nomina dopo l'addio dell'ad Moscetti e del presidente Fossa

Dal 9 luglio Elisa Ambanelli Head of Entertainment di LaPresse

È stata la prima donna in Italia a dirigere un canale generalista free. Svilupperà l'area produzioni televisive dell'azienda

Bwt, a Milano showroom dell'acqua: produzione e consumo consapevoli

La società, presente da 40 anni in Italia, propone prodotti per addolcire, filtrare e purificare l'acqua per diversi scopi alimentari e terapeutici. In Italia già oltre duemila fontane che distribuiscono acqua filtrata e refrigerata

Sole 24 Ore, se ne va l'ad Moscetti. Il Cdr: "No alla buonuscita"

Protestano i giornalisti del gruppo: "Continua la fase d'incertezza". E promette azioni di responsabilità