Venerdì 04 Marzo 2016 - 20:45

Vissani: Stupro? Ragazzine dovrebbero vestirsi di più

Lo chef aveva già dichiarato a Tagadà su La7 che le ragazze, con i loro atteggiamenti provocanti, incoraggerebbero le avances da parte degli uomini

Lo chef Vissani

 "Le ragazzine provocano per come vanno vestite per strada, il taglio della moda, il pantaloncino, la camicette. Sono certamente più disinibite". Così lo chef Gianfranco Vissani a La Zanzara su Radio 24 dopo le polemiche su quanto dichiarato a Tagadà su La7, dove il cuoco ha affermato che le ragazzine, con i loro atteggiamenti provocanti, incoraggerebbero le avances da parte degli uomini. "Il modo di vestire può provocare lo stupro?", chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo. "Questo non lo so, non vado a guardare nella mente di queste persone - risponde Vissani - però dovrebbero andare in giro un po' più coperte perché non si può mai sapere ci si incontra in questo mondo di merda". "A Tagadà non ho detto niente contro le donne - prosegue Vissani - ma il modo di vestire di alcune può provocare una reazione, vedi una e dici 'ammazza quella la, quanti anni ha? Diciotto! Ammazza quanto è bella'. Il problema è che non ci sono più i valori, se andavo in giro così negli anni '60 mio padre mi dava uno schiaffo in faccia".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Su Sky arriva 'The Deuce-La via del porno', la nuova serie con James Franco

Negli Usa è già un successo. Convincerà anche il pubblico italiano?

Focus, speciale 'Ottobre rosso' a 100 anni dalla Rivoluzione russa

In programma domani sera, nel giorno esatto del centenario, quattro documentari inediti sullo storico evento

Un docu-film su Renatone Chef: domenica 22 su Real Time

La storia del noto volto di "La prova del cuoco" e della sua straordinaria famiglia arriva in tv per la prima volta

Il racconto choc dell'attore Ferrini: "Ho sofferto la fame per i troppi no"

"Se dici no a persone importanti rimani da solo, io sono stato abbandonato"