Venerdì 11 Marzo 2016 - 21:00

Violenza donne, hashtag #ViajoSola fa il giro del web

La denuncia su Facebook di una giovane paraguaiana, Guadalupe Acosta, dopo l'uccisione di due turiste argentine

Violenza donne, hashtag #ViajoSola fa il giro del web

"Ieri mi hanno uccisa. Ho rifiutato di farmi toccare e mi hanno spaccato la testa. Mi hanno accoltellata e lasciata morire dissanguata. Mi hanno messa in una busta di plastica nera, chiusa con del nastro adesivo, e buttata su una spiaggia, dove mi hanno ritrovata ore dopo. Ma peggio della morte è stata l'umiliazione che ne conseguì". Con queste dure parole Guadalupe Acosta, una giovane paraguaiana, inizia un post sulla sua pagina Facebook, scritto tutto in prima persona, con lo scopo di dare voce a due ragazze argentine - Luz Maria Coni e Marina Menegazzo - uccise mentre erano in viaggio in Ecuador e difendere il diritto delle donne a viaggiare da sole. Il post di Acosta ha fatto immediatamente il giro del web, con centinaia di migliaia di condivisioni su Facebook, e su Twitter è rimbalzato l'hashtag #ViajoSola, cioè 'Viaggio sola'. "Perché eri sola? Com'eri vestita? Sei andata in un posto pericoloso, che ti aspettavi?", scrive ancora Acosta nel post, riportando insinuazioni sulla morte delle due ragazze. "Hanno messo in discussione i miei genitori, per avermi dato le ali, per avermi resa indipendente, come ogni essere umano", prosegue il post. "E solo da morta mi sono resa conto che per il mondo io non sono uguale a un uomo. Mi sono resa conto che morire è stata colpa mia, e lo sarà sempre".  Poi l'appello agli utenti: "Ti chiedo di alzare la voce per me e per tutte noi donne che hanno messo a tacere, alle quali hanno rovinato la vita e i sogni. Lottiamo insieme, io con voi, con lo spirito, e prometto che un giorno saremo talmente tante che non esisteranno sacchi sufficienti a metterci a tacere tutte", conclude la giovane in riferimento al fatto che i corpi di Maria e Marina, che erano scomparse il 22 febbraio, sono stati trovati chiusi in un sacco.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sparatoria a Seattle: l'Fbi non esclude ipotesi terrorismo

Sparatoria a Seattle: l'Fbi non esclude ipotesi terrorismo

Nell'attacco sono rimaste uccise cinque persone

Duesseldorf, arrestato 22enne in aeroporto: è membro Isis

Arrestato 22enne in aeroporto Duesseldorf: è membro Isis

Il giovane si era formato in un campo di addestramento in Siria

Sparatoria a nord Seattle: 5 i morti, avanti caccia all'uomo

Sparatoria a nord Seattle: 5 i morti, avanti caccia all'uomo

L'assalitore, un giovane ispanico, ha aperto il fuoco con un fucile

Sulla pistola trovata a Charlotte ci sono le impronte di Keith

Charlotte, su pistola le impronte di Keith. Moglie pubblica video

La famiglia dell'uomo di colore freddato dalla polizia ha diffuso sul web il video in cui Keith viene ucciso