Lunedì 03 Luglio 2017 - 13:45

Io, sessantenne, idealista e così distante da Fantozzi

L'attore genovese visto con gli occhi di chi ha vissuto negli anni del terrorismo neofascista e brigatista

Villaggio: io, sessantenne, idealista e così distante da Fantozzi

Negli anni in cui, almeno cinematograficamente, nasce il personaggio del ragionier Ugo Fantozzi il terrorismo neofascista e brigatista ha già insanguinato il paese. Un anno dopo l'uscita del primo Fantozzi, diretto da Luciano Salce, viene ucciso il procuratore capo di Genova, la città di Villaggio e del suo personaggio più famoso, Francesco Coco; due anni dopo verrà rapito Aldo Moro e anche l'Italia fantozziana assisterà muta e inorridita alla sua tragica fine. Che effetto poteva fare su un giovane di sinistra che si affacciava timidamente al mondo del lavoro il succube e sfortunato Fantozzi?

Quello di un perdente nato, un uomo prono a qualsivoglia potere, un po' maschilista, ambizioso di scalare i gradini di un benessere fatto soprattutto di illusioni. Ci scappava la risata come scappa normalmente quando al tuo vicino di casa si rompe la tubatura dell'acqua e gli si allaga la cucina. In fondo, Paolo Villaggio ci poteva far sentire delle "merdacce" come "merdaccia" era lui. A Paolo Villaggio il merito semmai di aver dato voce a persone, come Fantozzi, da sempre ignorate dalla politica ma anche dall'arte. Ci aveva provato e ancora ci provava Alberto Sordi ma i suoi personaggi vittime del potere avevano un tratto distintivo che Fantozzi non aveva se non in minima parte: la cattiveria.

In quegli anni di sangue e di illusioni frustate e molto fragili il ragionier Ugo Fantozzi non ci scaldava il cuore né la mente. Poteva rubarci una risata che molto spesso si trasformava in un ghigno.

Scritto da 
  • Riccardo Bormioli
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Immagni d'archivio di film storici

Venticinque anni fa moriva Audrey Hepburn. Unicef: "Esempio di straordinaria generosità"

Attrice premio Oscar e ambasciatrice Unicef, è scomparsa all'età di 63 anni il 20 gennaio 1993

Molestie, Colin Firth si pente del film con Woody Allen: "Non lavorerò più con lui"

L'attore premio Oscar aveva recitato per l'acclamato regista nella commedia "Magic in the Moonlight"

Milano, la presentazione del film "Fabrizio De Andrè, principe libero"

Luca Marinelli 'Principe libero' nel film su Fabrizio De Andrè

Un biopic che racconta quarant'anni del grande Faber: Genova, la politica, l'alcol, l'amore. Il tutto legato dalla musica

Archival Cinema and Entertainment

Molestie, Brigitte Bardot bacchetta le colleghe 'civette' per un ruolo

Per l'ex icona del cinema la denuncia da parte di molte attrici è "nella maggior parte dei casi, ipocrita, ridicola, irrilevante"