Venerdì 10 Febbraio 2017 - 15:45
Loading the player...
Autore: De Grandis

Studente Università Bologna: La polizia ha manganellato chi studiava

“I tornelli erano una cosa chiara, erano qualcosa di estraneo a questo contesto. Il riaprire la biblioteca era un gesto per renderla nuovamente aperta. Alle 5 diversi plotoni di polizia sono entrati manganellando gli studenti, una cosa gravissima, che poteva ripetere una scena buia di questi ultimi decenni, che ricorda quasi una Diaz in salsa bolognese. Quello che è successo ieri è stato una espressione molto grave di violenza all’interno dell’università. I responsabili sono il questore Coccia e il rettore Ubertini. E’ inaccettabile che gli studenti si vedano manganelli alzati mentre studiano”. E’ quanto racconta Morgan, uno studente di Storia dell’Università di Bologna, in merito agli scontri che ci sono stati ieri fra studenti e polizia in tenuta antisommossa. Gli agenti hanno sgomberato la biblioteca di Lettere di via Zamboni, 36. La polemica era nata tre giorni fa in merito ai tornelli installati agli ingressi della biblioteca per controllare gli accessi.