Giovedì 18 Febbraio 2016 - 15:45
Loading the player...
Autore: Dalla Rovere - Cruciatti

Milano, Giornata del Lavoro Agile: partecipano in oltre 10mila

Lavorare non solo dalla propria scrivania in ufficio, ma anche da casa, dal parco, da una libreria o da una postazione in un co-working. Comunicare con i colleghi grazie a smartphone e pc. Non avere orari prestabiliti o l'obbligo di timbrare il cartellino. Sono queste le poche e semplici regole che definiscono il 'lavoro agile'. In questo modo i lavoratori dipendenti possono evitare di trascorrere otto ore in ufficio, risparmiarsi lunghe code in automobile e 'lotte' per salire su bus e metro super affollati. Il salotto di casa, il bar preferito, la piscina, il parco. Armati di smartphone e computer, questi e altri luoghi possono trasformarsi in ufficio per un giorno. È questa l'idea che ha spinto il Comune di Milano a dare vita alla Giornata del Lavoro Agile. L'iniziativa è arrivata ormai alla terza edizione e quest'anno le aziende che hanno accettato di sperimentare questa nuova formula sono state 170. Oltre 10mila sono i lavoratori che hanno aderito e un migliaio quelli che questa mattina hanno letteralmente 'intasato' la app messa a disposizione dal Comune di Milano e hanno cercato di prenotare un posto in uno dei tanti co-working disponibili in città. E le due ore in media che sono state risparmiate non percorrendo il tragitto casa-ufficio, i dipendenti della Philips hanno deciso di 'donarle' alla collettività, dando una mano ai giardinieri di Villa Lonati, l'orto botanico comunale che organizza corsi scuole e svolge attività di riabilitazione per i pazienti operati o che devono affrontare una lunga degenza all'Ospedale Niguarda. Armati di guanti, zappe, cesoie e stivaloni di gomma hanno lavorato nelle serre, eliminato erbacce, selezionato sementi e creato talee.