Venerdì 09 Febbraio 2018 - 17:15
Loading the player...

Elezioni, Di Battista: “Berlusconi ha pagato la mafia”

“In un Paese normale un uomo che ha pagato cosa nostra non potrebbe fare più politica”. Così ha detto di Silvio Berlusconi Alessandro Di Battista, deputato uscente del Movimento 5 stelle. upday for Samsung ha intervistato in esclusiva per LaPresse il “non” candidato che sta girando l’Italia in camper, famiglia al seguito, per la campagna elettorale. Una chiacchierata davanti alla telecamera in un albergo di Varese, prima del comizio che Di Battista ha tenuto in piazza del Podestà, toccando diversi temi. Di Battista ha parlato anche del suo futuro. Continuerà a fare politica attiva, “ma fuori dal parlamento”. Farà “un viaggio di un anno” da San Francisco alla Terra del Fuoco, vuole “girare il mondo e conoscere tutta una serie di idee di politica internazionale”. Alla domanda su come sbarcherà il lunario, ha risposto che vorrà fare dei reportage da finanziare magari in crowdfunding sfruttando i social. Si è parlato anche di voto, possibili accordi post voto (secondo lui ci sarà un “inciucione” tra Renzi e Berlusconi) e delle polemiche degli ultimi giorni (la frase di Di Battista “gli italiani li vedo molto rincoglioniti” e la questione del programma in parte copiato da fonti non citate del M5s). Un commento anche sui fatti di Macerata, su cui Di Battista nei giorni scorsi non ha speso molte parole, “scegliendo il silenzio” in nome della volontà di non strumentalizzare o “cavalcare”. Secondo lui “l’unico modo per bloccare rigurgiti xenofobi e razzisti è lo Stato sociale”. (di Federico Thoman)