Domenica 04 Dicembre 2016 - 11:00
Loading the player...
Autore: Reuters

Raul: "No al culto della persona di mio fratello Fidel"

Il presidente cubano Raul Castro ha chiesto alle migliaia di persone radunate in piazza a Santiago de Cuba di difendere l'eredità socialista di suo fratello Fidel, morto il 25 novembre a 90 anni e che verrà sepolto in forma privata nella città dove diede il via alla Rivoluzione Cubana. L'immagine del lider maximo, assicura Raul, non verrà immortalata con statue, né verranno a lui dedicate le piazze, secondo la volontà di suo fratello. "Fedele all'etica di Jose Marti secondo cui"Tutta la gloria del mondo entra in un chicco di mais" - ha detto Raul - il leader della rivolzione rifiutava ogni manifestazione di culto della personalità, e insistette nelle sue ultime ore di vita sul fatto che, quando sarebbe morto, il suo nome e la sua immagine non avrebbero mai dovuto utilizzate per intitolare istituzioni, piazze, parchi, viali, strade e nessun altro luogo".

Tags