Martedì 11 Aprile 2017 - 14:30

Orfeo intervistato per strada: ma i giornalisti sono del M5s

Sui social il video girato dai militanti del Movimento

Orfeo intervistato per strada: ma i giornalisti sono del M5s

"L'informazione italiana è al 77° posto nella classifica sulla libertà di stampa stilata ogni anno da Reporter Senza Frontiere. Per capire il perché abbiamo provato a porre qualche domanda al direttore del TG1 Mario Orfeo". Lo scrive il M5S sui social network, pubblicando il video di un addetto stampa dei Cinquestelle che, accompagnato da un'altra persona con la telecamera, ferma il direttore del Tg1 e lo interroga, senza ottenere risposta. "Perché - chiede il portavoce dello staff dei Cinquestelle - se Beppe Grillo e Alessandro Di Battista sono indagati per un atto dovuto come la denuncia per diffamazione ne parlate per giorni e nel Tg1 e su Consip avete fatto il minimo indispensabile?". Ma Orfeo non risponde alla domanda e se ne va. L'indomani, lo stesso addetto stampa chiede a Orfeo come mai la Rai abbia "censurato la Raggi" in occasione dei 60 anni per i Trattati di Roma. Anche in questo caso il direttore non risponde e si infila in auto con il cellulare in mano.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale