Sabato 19 Marzo 2016 - 16:00

Video hard online, risarcimento da 115 milioni per Hulk Hogan

Il wrestler ha vinto la causa contro il magazine americano Gawker: nel video il lottatore aveva rapporti sessuali con la moglie di un amico

Hulk Hogan in tribunale

Il wrestler Hulk Hogan, il cui vero nome è Terry Bollea, ha vinto un risarcimento danni di 115 milioni di dollari (102 milioni di euro) per la violazione della sua privacy da parte del magazine americano Gawker, che nel 2012 aveva diffuso in rete un video in cui il lottatore aveva rapporti sessuali con la moglie di un amico. Dopo la sentenza, emessa dal tribunale di Saint Petersburg in Florida, il foondatore di Gawker, Nick Denton, ha fatto sapere di voler ricorrere in appello, basando la sua difesa sul diritto alla libertà di espressione sancito dal primo emendamento della Costituzione.

 

Nel corso del processo, Hogan ha sostenuto di soffrire di "stress emotivo" per il danno di immagine subito dopo la pubblicazione del video, diffuso senza la sua autorizzazione mentre era in procinto di divorziare dalla moglie. Prima che circolasse il video, Hogan aveva detto pubblicamente di non aver mai avuto rapporti intimi con quella donna, Heather Clem, all'epoca sposata con Todd 'Bubba the Love Sponge' Clem, un dj americano.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Goteborg, scontri ad una marcia dell'estrema destra

Svezia, bomba esplode davanti a stazione della polizia

È accaduto a Helsingborg, nel sud della Svezia. Per il momento non sembrerebbero esserci vittime

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

Cina, Xi: "Pronti a diventare un grande Paese socialista moderno"

E sull'economia annuncia: "Puntiamo ad avere tassi d'interesse e i tassi di cambio più basati sul mercato"

Nigeria, bombe a Abuja

Nigeria, liberato don Pallù. Alfano: "Sta bene"

Il sacerdote della diocesi di Roma era da tre anni in missione nel Paese africano. Gioisce la parrocchia di San Bartolomeo

Il direttore di Amazon Studios si dimette per accuse di molestie sessuali

Avrebbe inoltre ignorato le denunce di un'attrice su abusi sessuali che avrebbe subito da Weinstein