Martedì 12 Aprile 2016 - 08:45

Vibo Valentia, Finanza sequestra 47 immobili per abusi edilizi

Nel mirino unità immobiliari nel quartiere 'Buffetta' del capoluogo di provincia calabrese

Vibo Valentia, Finanza sequestra 47 immobili per abusi edilizi

 La guardia di finanza di Vibo Valentia sta eseguendo, dalle prime ore del mattino, il sequestro di 47 unità immobiliari nel quartiere 'Buffetta' del capoluogo di provincia calabrese.  Il sequestro è stato disposto dal GIP del Tribunale, Lucia Monaco, a seguito di indagini che hanno evidenziato la realizzazione, in una zona ritenuta a rischio idrogeologico, di diverse costruzioni che violano la normativa urbanistica.

Le ipotesi di reato contestate nei confronti dei tredici indagati nella vicenda, vanno dalla lottizzazione abusiva a scopo edificatorio, alla realizzazione di costruzioni in totale assenza o in difformità dalla concessione edilizia e all'omessa denuncia di lavori. I dettagli dell'operazione saranno illustrati dal Procuratore della Repubblica  Mario Spagnuolo nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11 presso il Tribunale di Vibo Valentia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

Unimpresa: "I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro"

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze