Venerdì 22 Aprile 2016 - 14:45

Viareggio, negoziante aggredisce artista di strada: video virale

Le immagini hanno suscitato indignazione sui social. Il commerciante si è successivamente scusato

Viareggio, negoziante aggredisce artista di strada: video virale

Un video sta facendo il giro del web e indignando migliaia di utenti. Si tratta dell'aggressione da parte di un negoziante di Viareggio nei confronti 'l'uomo delle bolle', Boris Egorov, ex medico russo e artista di strada, che stava lavorando in un posto diverso dal suo abituale perché protagonista di alcune riprese del filmmaker Victor Musetti.  Proprio Musetti ha documentato la lite e l'ha pubblicata su Facebook dove ha raggiunto oltre 32mila condivisioni e più di 900mila visualizzazioni.  

 

IL TESTO DEL FILMMAKER. Così sulla sua pagina facebook ha scritto Victor Musetti: "Questo è successo oggi. Boris Egorov stava lavorando normalmente in un posto diverso dal suo abituale perché io gli facessi alcune riprese mentre faceva giocare i bambini con le bolle di sapone. Il posto è tra il 48/Mondodisco e il negozio Yamamay. Già ieri era stato aggredito verbalmente dal proprietario del 48/Mondodisco in persona, che gli aveva urlato addosso e con violenza di "tornarsene nel proprio paese" e già erano venute fuori minacce di violenza fisica. Oggi si è ripresentata la stessa scena, con la partecipazione di tutti (tranne forse uno) i membri dello staff del negozio, Boris è stato prima invitato ad andarsene con minacce di violenza fisica ("ma ti devo massacrar di botte?" "ti spacco la testa"), poi è stato spruzzato con la canna dell'acqua dall'eroico e valoroso difensore della passeggiata, mentre il proprietario del negozio minacciava me di "tirarmi nel muso" perché filmavo la scena. L'eroico spruzzatore si è poi ritirato valorosamente nel suo negozio non appena i passanti hanno cominciato a raccogliersi intorno alla scena, ad esprimere dissenso per ciò che stava succedendo e a mostrare solidarietà nei confronti di Boris, che ormai da anni fa divertire con le sue bolle i bambini della passeggiata, che lo conoscono ormai benissimo e lo vanno sempre a cercare. Poi è arrivato l'altro proprietario del 48/Mondodisco che ha di nuovo rinnovato a Boris l'invito a "tornarsene nel proprio paese". Boris ha chiamato subito la polizia che si è presentata sul posto ma che non ha ovviamente potuto fare altro che ascoltare le versioni di entrambe le parti. La cosa più terribile di un'aggressione e di un'umiliazione di questo tipo è il fatto che non si possa oggettivamente fare niente, se non accendere i riflettori su queste persone e far vedere a tutti di che cosa siano capaci. Oltretutto gestiscono uno dei negozi più importanti di Viareggio e vorrei vedere adesso quanti avranno ancora il coraggio di comprare qualche cosa da loro. Usiamo per una volta Facebook per qualcosa di veramente utile e per favore facciamo girare questo video il più possibile.

 

SDEGNO DEL COMUNE E SCUSE COMMERCIANTE. Comune di Viareggio esprime la massima solidarietà e sdegno "per il gesto avvenuto ai danni di Boris Egorov e annuncia la propria partecipazione alla manifestazione spontanea in sostegno dell’artista di strada, in programma per domenica 24 aprile alle 16". Il commerciante di 48/Mondodisco si è, poi, scusato per quel che è successo e ha detto di essere pronto a "chiedere scusa e stringere al più presto la mano a Boris".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: ipotesi rapina

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro. Indagano i caraninieri

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese

Matteo Renzi visita la Tegim Telethon a Pozzuoli

Malattie rare: oltre 6mila patologie colpiscono 600mila italiani

Sono casi gravi, spesso letali, e spesso non esistono terapie disponibili