Venerdì 22 Aprile 2016 - 14:45

Viareggio, negoziante aggredisce artista di strada: video virale

Le immagini hanno suscitato indignazione sui social. Il commerciante si è successivamente scusato

Viareggio, negoziante aggredisce artista di strada: video virale

Un video sta facendo il giro del web e indignando migliaia di utenti. Si tratta dell'aggressione da parte di un negoziante di Viareggio nei confronti 'l'uomo delle bolle', Boris Egorov, ex medico russo e artista di strada, che stava lavorando in un posto diverso dal suo abituale perché protagonista di alcune riprese del filmmaker Victor Musetti.  Proprio Musetti ha documentato la lite e l'ha pubblicata su Facebook dove ha raggiunto oltre 32mila condivisioni e più di 900mila visualizzazioni.  

 

IL TESTO DEL FILMMAKER. Così sulla sua pagina facebook ha scritto Victor Musetti: "Questo è successo oggi. Boris Egorov stava lavorando normalmente in un posto diverso dal suo abituale perché io gli facessi alcune riprese mentre faceva giocare i bambini con le bolle di sapone. Il posto è tra il 48/Mondodisco e il negozio Yamamay. Già ieri era stato aggredito verbalmente dal proprietario del 48/Mondodisco in persona, che gli aveva urlato addosso e con violenza di "tornarsene nel proprio paese" e già erano venute fuori minacce di violenza fisica. Oggi si è ripresentata la stessa scena, con la partecipazione di tutti (tranne forse uno) i membri dello staff del negozio, Boris è stato prima invitato ad andarsene con minacce di violenza fisica ("ma ti devo massacrar di botte?" "ti spacco la testa"), poi è stato spruzzato con la canna dell'acqua dall'eroico e valoroso difensore della passeggiata, mentre il proprietario del negozio minacciava me di "tirarmi nel muso" perché filmavo la scena. L'eroico spruzzatore si è poi ritirato valorosamente nel suo negozio non appena i passanti hanno cominciato a raccogliersi intorno alla scena, ad esprimere dissenso per ciò che stava succedendo e a mostrare solidarietà nei confronti di Boris, che ormai da anni fa divertire con le sue bolle i bambini della passeggiata, che lo conoscono ormai benissimo e lo vanno sempre a cercare. Poi è arrivato l'altro proprietario del 48/Mondodisco che ha di nuovo rinnovato a Boris l'invito a "tornarsene nel proprio paese". Boris ha chiamato subito la polizia che si è presentata sul posto ma che non ha ovviamente potuto fare altro che ascoltare le versioni di entrambe le parti. La cosa più terribile di un'aggressione e di un'umiliazione di questo tipo è il fatto che non si possa oggettivamente fare niente, se non accendere i riflettori su queste persone e far vedere a tutti di che cosa siano capaci. Oltretutto gestiscono uno dei negozi più importanti di Viareggio e vorrei vedere adesso quanti avranno ancora il coraggio di comprare qualche cosa da loro. Usiamo per una volta Facebook per qualcosa di veramente utile e per favore facciamo girare questo video il più possibile.

 

SDEGNO DEL COMUNE E SCUSE COMMERCIANTE. Comune di Viareggio esprime la massima solidarietà e sdegno "per il gesto avvenuto ai danni di Boris Egorov e annuncia la propria partecipazione alla manifestazione spontanea in sostegno dell’artista di strada, in programma per domenica 24 aprile alle 16". Il commerciante di 48/Mondodisco si è, poi, scusato per quel che è successo e ha detto di essere pronto a "chiedere scusa e stringere al più presto la mano a Boris".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale