Domenica 09 Ottobre 2016 - 09:15

Vettel: Ci sembrava la strategia giusta, potevamo andare su podio

"Abbiamo deciso insieme di fare due pit-stop, non aveva senso seguire Verstappen"

Vettel: Strategia decisa con il team, potevamo andare su podio

"Podio è stato vicino? MI sarebbe piaciuto essere sul podio, abbiamo lottato per il secondo posto a lungo, poi abbiamo deciso di andare più lunghi, speravamo che le gomme soft durassero di più. E' una gara che dobbiamo accettare, parlando con il muretto mi sembrava la strategia giusta. Abbiamo deciso insieme di fare due pit-stop, non aveva senso seguire Verstappen". Lo ha detto ai microfoni di Sky Sport il pilota Ferrari Sebastian Vettel. "Ci sono molti aspetti positivi qui, abbiamo dimostrato una buona prestazione anche in qualifica, potevamo andare entrambi sul podio", ha aggiunto il tedesco.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nieto con Valentino Rossi nel 2008

Ex campione di motociclismo Nieto gravissimo dopo incidente in quad

L'ex pilota si è scontrato con una macchina a Ibiza e ha sbattuto violentemente la testa

Max Biaggi esce dall'ospedale S. Camillo dopo l'incidente

Biaggi racconta l'incubo: Con moto ho chiuso, ora figlio con Bianca

Il campione ripercorre i drammatici momenti passati tra la vita e la morte, dopo il terribile incidente di cui è rimasto vittima mentre provava sul circuito di Latina

ENG, FIA, Formel 1, Grand Prix von Grossbritannien

Hamilton punta al sorpasso. Ferrari: serve una risposta

Da +20, a +1: la dimostrazione in numeri dei progressi portati avanti dal team anglotedesco, e delle difficoltà di una Ferrari che resta competitiva ma non può permettersi altri passi falsi

Ferrari, Arrivabene: Niente scuse, bisogna ripartire e migliorare rapidamente

Ferrari, Arrivabene: Niente scuse, bisogna ripartire e migliorare rapidamente

Il team principal dopo il Gp di Silverstone: "Oggi abbiamo perso molti punti sia nella classifica Costruttori che in quella piloti, questa è la realtà"