Martedì 30 Agosto 2016 - 18:30

Vescovo di Rieti: Non uccide il terremoto, ma le opere dell'uomo

L'accusa durante l'omelia ad Amatrice

Amatrice, i funerali delle vittime del terremoto

"Il terremoto non uccide, uccidono piuttosto le opere dell'uomo". Così il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, durante l'omelia dei funerali solenni per le vittime del terremoto di Amatrice. "I paesaggi che vediamo e che ci stupiscono per la loro bellezza sono dovuti alla sequenza dei terremoti - ha proseguito -  Le montagne si sono originate da questi eventi e racchiudono in loro l'elemento essenziale per la vita dell'uomo: l'acqua dolce. Senza terremoti non esisterebbero dunque le montagne e forse neppure l'uomo e le altre forme di vita".

 "La ricostruzione non sia una querelle politica o una forma di sciacallaggio. Si deve fare rivivere una bellezza di cui siamo custodi, disertare questi luoghi sarebbe ucciderli di nuovo, dobbiamo inventarci una forma nuova di presenza" ha sottolineato Pompili.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

In edicola con Gardenia l'Enciclopedia delle piante da giardino

Con Gardenia l'Enciclopedia delle piante da giardino

In allegato al numero di aprile il primo dei tre volumi dell'opera

Carminati: Lavoro con Buzzi? La cosa più lecita che ho fatto

Carminati: Lavoro con Buzzi? La cosa più lecita che ho fatto

E' intervenuto in collegamento video dal carcere di Parma nell'ambito del maxiprocesso di 'Mafia capitale'

Il pentito: 'Ndrangheta vendette i biglietti della Juventus

Il pentito: 'Ndrangheta vendette i biglietti della Juventus

Parla il pentito Massimo Ungaro nel processo sull'omicidio dell'ex procuratore di Torino Bruno Caccia

Carminati Io un vecchio fascista degli anni '70 e ne son contento

Carminati: Contento di essere vecchio fascista degli anni '70

"Nel 'mondo di sopra' ci sono dei 'sola' che non rispettano i patti "