Martedì 18 Ottobre 2016 - 15:00

Roma, vertice Raggi-governo sui conti. Sindacati verso sciopero

La sindaca di Roma: "Incontro positivo, clima di collaborazione"

Vertice Raggi-governo sui conti del Campidoglio, sindacati pronti allo sciopero

Vertice a Palazzo Chigi tra la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, sui conti del Campidoglio. Raggi, spiega il governo, ha "per prima cosa esposto la problematica del salario accessorio dei dipendenti comunali e le misure che l'amministrazione capitolina intende adottare con riferimento al recupero delle somme pregresse e alla gestione attuale del tema". De Vincenti ha replicato che la questione rientra strettamente nell'autonomia decisionale e nella responsabilità dell'amministrazione comunale. La prima cittadina del M5S ha poi parlato delle problematiche connesse alla gestione corrente del bilancio e al Piano triennale per la riduzione del disavanzo del Comune di Roma. L'esecutivo ha invitato la sindaca ad affrontare la questione nel Tavolo interistituzionale previsto dalla legge e che si riunirà a breve per il monitoraggio sul primo semestre di quest'anno. Un incontro "molto positivo", ha sottolineato Raggi, avvenuto "in un clima di collaborazione".

Intanto, i sindacati sono sul piede di guerra e non escludono "lo sciopero generale per difendere la dignità e il salario dei lavoratori''. Cgil, Cisl e Uil hanno promosso un'azione legale e inizieranno a raccogliere le adesioni dei dipendenti capitolini al ricorso per il recupero del salario accessorio non erogato. "Le quote di produttività riferite al 2015, sospese dal prefetto Tronca e che la sindaca Raggi ad oggi non ha ancora sbloccato, erano previste dal già magro atto unilaterale dell'ex sindaco Marino", sottolineano i sindacati, "per evitare il maxi contenzioso ci aspettiamo un intervento immediato che porti allo sblocco delle somme inspiegabilmente non versate dall'amministrazione capitolina. I lavoratori del Comune vivono il paradosso di subire un contratto unilaterale che per giunta non viene rispettato, con un doppio taglio alle buste paga. Il tempo delle promesse è finito, le lavoratrici e i lavoratori aspettano risposte concrete dall'amministrazione e dal Governo, che continua a non investire sul lavoro pubblico, come dimostra l'ultima legge di stabilità".
 

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Editoria, Cdr agenzie di stampa proclamano per domani sciopero

Cdr agenzie stampa proclamano lo sciopero per domani

E' stato deciso alla luce delle mancate risposte da parte del ministro Luca Lotti sul bando di gara europeo

Prodi: Un'Europa a due velocità per sopravvivere alla tempesta

Prodi: Un'Europa a due velocità per sopravvivere alla tempesta

"C'è una carenza di leadership in Europa rispetto al passato"

Appello del Papa: L'Europa si riscopra comunità solidale di popoli e di persone

Appello del Papa: L'Europa si riscopra comunità solidale

"Non si può gestire la crisi migratoria come problema numerico, economico o di sicurezza" ha sottolineato Francesco

Renzi: Il racconto di me burattinaio del governo non esiste

Renzi: Io burattinaio governo? Racconto che non esiste

"Io mi sono dimesso da tutto, da premier e da segretario"