Giovedì 09 Novembre 2017 - 10:30

Svezia-Italia, Ibra: "Biscotto? Non l'avrei permesso. Azzurri? Più forte è Verratti"

L'attaccante parla alla vigilia del playoff, che consegnerà a una delle due Nazionali il pass per il Mondiale di Russia 2018

"Il mio primo pensiero è stato che quelle tra Svezia e Italia saranno due belle partite, molto combattute per entrambe. La Svezia farà di tutto per passare, ma anche l'Italia". Così Zlatan Ibrahimovic, ai microfoni di Sky Sport, alla vigilia del playoff, che consegnerà a una delle due Nazionali il pass per il Mondiale di Russia 2018. "Vedremo cosa succede, ma in pratica è come se fossero due finali", ha detto l'attaccante del Manchester United.

"Ora che non sono più in Nazionale secondo me la Svezia gioca con molta meno pressione. La gente ora si aspetta meno, quando c'ero invece io tutti si aspettavano che potessimo vincere il Mondiale o l'Europeo. Questa è l'impressione che ho, anche dalle cose che sento dire da fuori, dai media ai tifosi. Le reazioni, ora che non ci sono io, sono nettamente diverse. Per questo giocheranno senza pressione, senza nulla da perdere. La forza di questa Nazionale in ogni caso è il gruppo, il collettivo, stanno facendo un ottimo lavoro", ha ammesso Ibra. "Se dovessi scegliere il più forte dell'Italia direi Verratti. Però va usato al meglio, nel modo in cui possa rendere non al 100% ma al 200%. Ha un talento eccezionale, al Psg l'ho visto crescere tantissimo e diventare uno dei giocatori più forti al mondo", ha proseguito lo svedese.

"Non avrei mai permesso un accordo simile, chi mi conosce lo sa", ha proseguito Ibra. L'attaccante svedese è tornato a commentare il famoso 2-2 tra i gialloblu e la Danimarca, che eliminò clamorosamente l'Italia dall'Europeo portoghese nel 2004: "La verità è che ci siamo giocati la partita a viso aperto ed è uscito un 2-2. Combinare un risultato è assolutamente contro i miei principi. Poi è ovvio che dopo la partita ci siano state tante polemiche, ma appunto restano tali, scuse o alibi per giustificare un'eliminazione", ha aggiunto Ibra. "Se tornerò in Nazionale in caso di qualificazione al Mondiale? Adesso sto pensando solo a tornare il prima possibile in campo, non alla Svezia o al Mondiale. La mia storia con la Nazionale è finita, potevo fare qualcosa di più, forse anche di meno, ma il mio tempo è terminato. In ogni caso sarebbe molto bello vedere la Svezia ai Mondiali", ha concluso l'attaccante del Manchester United, prossimo al rientro in campo dopo un brutto infortunio al ginocchio che lo ha costretto ai box dallo scorso aprile.

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

(SP)ITALY-GENOVA-SERIE A-SAMPDORIA VS JUVENTUS

Juve, col Barça si deve cambiare: tattica, interpreti, atteggiamenti

I bianconeri nel match di Champions di mercoledi hanno il dovere morale di andare oltre se stessi

CONI - Stati Generali dello sport italiano

Malagò: "Potrebbe anche non esserci commissario Figc"

Il presidente del Coni mette in dubbio l'ipotesi circolata lunedì dopo le dimissioni forzate di Tavecchio

FIGC President Carlo Tavecchio gestures during a news conference in Rome

"Molestata da Tavecchio nel suo ufficio". La denuncia di una dirigente sportiva

La donna ha raccontato al Corriere diversi episodi e ha detto di avere le prove video e audio. Figc verso il commissariamento

Lazio - Napoli

Napoli, Sarri e la Champions League: "Con lo Shakhtar conta solo vincere"

Gli azzurri si preparano al tutto per tutto contro gli ucraini: dovranno vincere senza subire reti o con due gol di scarto