Giovedì 11 Febbraio 2016 - 14:15

Rilevate le onde gravitazionali. Rovelli: Vedremo altra metà cielo

Intervista al famoso fisico nel giorno in cui è stato registrato il fenomeno previsto cento anni fa da Einstein

Rilevate le onde gravitazionali

"Nel 1916 Einstein ha predetto le onde gravitazionali. Oggi siamo felici di annunciare che che abbiamo rilevato per la prima volta le gravitazioni universali". E' l'annuncio con il quale si è aperta la conferenza stampa all'Osservatorio gravitazionale europeo (Ego), a Cascina, in provincia di Pisa. Una giornata storica: i fisici assaporano la scoperta "dell'altra metà del cielo" e per il mondo degli studiosi dell'universo "è un momento un po' estatico". Grazie alle onde gravitazionali, gli scienziati hanno potuto individuare una fusione tra due buchi neri, avvenuta a 1,34 miliardi di anni luce di distanza dal nostro pianeta.

E' effervescente l'aria nella comunità scientifica internazionale. A Cascina si trova l'Osservatorio gravitazionale europeo (Ego), frutto di Virgo, una collaborazione tra molti istituti scientifici del vecchio continente, capofila della quale sono l'Istituto nazionale italiano di fisica nucleare e il Centro nazionale francese della ricerca scientifica (partecipano anche il Nikhef, l'Istituto nazionale olandese di fisica nucleare e delle alte energie, il Polgraw polacco e il Wigner Institute ungherese). L'altra gamba della scoperta, quella americana, è della Ligo, cooperazione tra diversi istituti d'oltreoceano, che ha lavorato insieme al Mit e a Caltech.

Abbiamo chiesto di spiegare la scoperta a Carlo Rovelli, fisico italiano che insegna attualmente fisica teorica all'università di Aix-Marseille. Rovelli ha recentemente dato alle stampe per Adelphi 'Sette brevi lezioni di fisica', agile volume di divulgazione scientifica di una semplicità e di un fascino rari, che apre una finestra sul mondo dei grandi interrogativi della scienza ai non addetti ai lavori in un modo estremamente efficace. E lui non ha dubbi: "L'emozione e l'entusiasmo che ci sono in giro sono del tutto giustiticati", perché si apre "una nuova finestra" sul "cuore delle galassie".

Cosa pensa lei di questa scoperta e che strade può aprire?

Penso che sia effettivamente un risultato straordinario. L'emozione e l'entusiasmo che ci sono in giro sono del tutto giustiticati. E' uno dei maggiori risultati, dei grandi passi della scienza. Non è che sia inaspettato, ce lo aspettavamo da venti o trent'anni, non arrivava mai e il momento in cui arriva è un momento un po' estatico. Si è riusciti a confermare una previsione che ormai ha un secolo, contenuta nella relatività generale di Einstein, cioè l'esistenza di queste onde che sono un po' l'altra metà del cielo. Noi conoscevamo solo le onde elettromagnetiche come onde fondamentali; ora ci sono anche queste. E' straordinario che avessimo capito l'esistenza di queste onde prima di vederle. Con queste onde ora possiamo osservare il cielo fin da subito. Ammesso che l'annuncio sia confermato oggi pomeriggio, abbiamo uno strumento nuovo per guardare il cielo. E' come se avessimo una nuova finestra e quindi potremo vedere buchi neri che si incontrano, come sembra sia già stato visto, potremo vedere cosa succede nel cuore delle galassie. Avremo un nuovo straordinario strumento per osservare l'universo.

Questa nuova scoperta cosa ci permetterà di capire in più?

Le faccio un esempio estremamente concreto. Noi sappiamo più o meno che nella galassia ci siano tanti buchi neri. E ci aspettiamo che questi buchi neri a volte si possano incontrare, spalleggiare e calcare uno sull'altro. Ma finora ce lo aspettavamo solo teoricamente. Adesso, a quanto sembra, sono stati visti, cioè è stato visto il segnale emesso da questi buchi neri. E' come se fosse una seconda luce, questa delle onde gravitazionali, che vede delle cose diverse. Possiamo osservare eventi concreti che avvengono nelle galassie non con un cannocchiale, un telescopio o un radiotelescopio, ma con queste antenne gravitazionali che vedono i segnali emessi da queste lenti.

E' come avere infrarossi che vedono di notte?

Sì, esatto, ma è un altro tipo di luce.

Sul big bang invece cosa ci possono dire queste onde? Cosa ci permetteranno di capire in più?

Sul big bang non lo so. Ci aspettiamo che al momento del big bang siano state prodotte delle onde gravitazionali, ma non credo che con gli strumenti che abbiamo adesso, Ego e Ligo, le possiamo vedere. Quando riusciremo a vedere le onde gravitazionali prodotte dal big bang avremo informazioni maggiori. Tenete conto che sul big bang non sappiano niente, non sappiamo cosa sia successo esattamente. Qualunque segnale riceviamo da quel remotissimo passato ci permette di capire qualcosa in più. Per esempio, l'universo è nato lì o c'era già prima e si è schiacciato e poi rimbalzato? Questa è una domanda che è ancora aperta sulla quale più informazioni abbiamo, maggiori possibilità avremo di rispondere. Penso che prima o poi risponderemo ma ancora ci siamo arrivati.

Questo nuovo strumento ci darà nuovi strumenti anche per la ricerca di civilità extraterrestri?
 

 E' bello sognare, ma non credo che ci sia nulla di concreto in questa direzione. Questo non vuol dire che non pensi che ci sia vita altrove nell'universo. Ma non è questo lo strumento.

Loading the player...
Scritto da 
  • Fabio De Ponte
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Online a scuola e di notte, 46% gioca d'azzardo: il 'Selfie' degli studenti lombardi

I dati del rapporto 'Selfie - Istantanee dalla generazione 2.0'

Si chiama Pesto, il cucciolo di foca nato all'Acquario di Genova

Il nome è stato scelto attraverso un sondaggio tra i fan della pagina Facebook. Sabato il 'battesimo'

Inaugurazione Mostra Human Adventures

Accordo Uber-Nasa per test su 'taxi volanti' dal 2020

I modelli voleranno a Los Angeles, in via sperimentale, e potranno andare a oltre 300 chilometri all'ora

Vega, 11a missione di successo: primo lancio di satellite marocchino

La missione è partita dal centro spaziale di Kourou, in Guyana francese, il 7 novembre alle ore 22:42