Lunedì 27 Marzo 2017 - 20:00

Ventura: Caso Barzagli? Molto stupito, niente di concordato

"Se ce lo avesse chiesto prima di venire avremmo preso in considerazione la sua non convocazione"

Ventura:  Caso Barzagli? Molto stupito, niente di concordato

 "Sono rimasto stupito dal 'caso': in Nazionale non si può concordare alcune cose, se un giocatore ha dei problemi lo comunica. E' venuto perché c'era una gara importante con l'Albania poi ha chiesto se poteva avere questi tre giorni perché ha dei problemi a casa di natura personale con la moglie. Mi ha detto 'sono sempre in ritiro, devo risolvere'. Se ce lo avesse chiesto prima di venire avremmo preso in considerazione la sua non convocazione". Cosi' il ct della Nazionale, Gian Piero Ventura, parlando del 'caso' Andrea Barzagli alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda. "Prima ne ho parlato col gruppo, perché e' una cosa anomala, ma stiamo parlando di Andrea Barzagli, il professionista per antonomasia. Poi mi ha stupito la cosa a 360 gradi, anche per la foto. Per me il discorso e' finito una volta che si esce da Coverciano, non c'era nulla di concordato e ne' ho sentito la Juventus", ha aggiunto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter-Barça accordo per Rafinha. Chelsea su Dzeko e Emerson

Il Napoli continua a pensare a Matteo Politano del Sassuolo. Tra gli allenatori Prandelli ha chiuso l'esperienza negli Emirati Arabi

Barcellona vs Deportivo La Coruna - Liga 2016/2017

Calciomercato, Inter insiste per Rafinha. Walcott all'Everton

Dopo l'arrivo di Lisandro Lopez Suning, il direttore sportivo vuole regalare un altro rinforzo a Luciano Spalletti

Champions League - SSC Napoli vs Feyenoord

Calciomercato, Napoli: Deulofeu scende, Politano sale. Maksimovic la chiave

Dopo il rifiuto di Verdi non resta che virare su altri obiettivi

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

Calciatori nel mirino dei violenti. E il razzismo è l'arma prevalente

Uno studio dell'Osservatorio dell'Aic. Spesso sono gli stessi sostenitori della squadra a minacciare. Intimidazioni in lieve calo. Tommasi: "Restiamo in guardia"