Mercoledì 16 Agosto 2017 - 10:45

Venezuela, liberato il violinista icona delle proteste anti Maduro

Negli ultimi giorni alcuni familiari avevano denunciato che durante la detenzione era stato torturato

Venezuela, liberato il violinista icona delle proteste anti Maduro

È stato liberato in Venezuela il violinista Wuilly Arteaga, diventato un simbolo delle proteste anti Maduro per la sua abitudine di suonare alle manifestazioni. Il giovane, 23 anni, è stato rilasciato dopo tre settimane: era stato arrestato lo scorso 27 luglio. A riferirlo il procuratore generale venezuelano, Tarek William Saab. Arteaga ha raggiunto popolarità perché suonava l'inno nazionale anche mentre i lacrimogeni lo avvolgevano e intorno a lui volavano proiettili di gomma. Ma era diventato un'icona soprattutto dopo avere denunciato che le forze di sicurezza gli avevano rotto il violino, il che aveva scatenato un'ondata di solidarietà. L'accusa, al momento dell'arresto, era di "istigazione pubblica e possesso di sostanze incendiarie". Negli ultimi giorni alcuni familiari avevano denunciato che durante la detenzione era stato torturato. In Venezuela le proteste anti governative vanno avanti dal 1° aprile scorso e il bilancio è di oltre 120 morti.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Addio Liliane Bettencourt, signora dei trucchi e donna più ricca del mondo

Figlia unica del fondatore del marchio di cosmetici L'Oréal, ne era la principale azionista

Catalogna, Guardiola: "Vogliamo solo votare, si tratta di democrazia"

Catalogna, Guardiola: "Vogliamo solo votare, si tratta di democrazia"

"Il popolo catalano ha mostrato una grande educazione civica ancora una volta"

Ryanair, voli cancellati in tutta Italia

Ryanair, O'Leary offre di più ai piloti per saltare le ferie

L'a.d. della compagnia mette sul piatto altri 10mila euro. Vuole evitare la cancellazione di oltre 2.000 voli. I consumatori chiedono sanzioni

Papa Francesco nell'Udienza Generale del mercoledì

Pedofilia, tolleranza zero Bergoglio: "Chiesa in ritardo, mai grazia"

Francesco ha incontrato anche la Commissione Antimafia italiana parlando di corruzione, e tutela dei testimoni