Mercoledì 13 Aprile 2016 - 16:45

Vatileaks, Nuzzi:Balda editor del mio libro, Chaouqui inaffidabile

Nuzzi era stato accusato di aver fatto pressioni sull'ex segretario della Cosea, circostanza che ha smentito categoricamente durante l'interrogatorio nell'aula del Vaticano

Gianluigi Nuzzi

 "Ho consultato monsignor Vallejo Balda come editor del mio libro, per chiedere una chiave di lettura dei documenti che ricevevo". Lo ha dichiarato il giornalista Gianluigi Nuzzi, autore del volume 'Via Crucis' per il quale è imputato in Vaticano con l'accusa di fuga di notizie. Nuzzi era stato accusato di aver fatto pressioni sull'ex segretario della Cosea, circostanza che ha smentito categoricamente durante l'interrogatorio nell'aula del Vaticano: "Non ho mai esercitato sollecitazioni - ha detto -. Davanti a me c'era una persona che mi segnalava anomalie che impedivano la riforma del Papa. Il mio atteggiamento nei suoi confronti è stato sempre riguardoso". Anzi, spesso il prelato gli avrebbe offerto spontaneamente le password di accesso ai documenti riservati, che in un'occasione l'autore di Via Crucis avrebbe anche rifiutato.

Il giornalista ha invece 'scagionato' in parte Francesca Chaouqui,che però conosce da tempo: "Lo dissi anche a Balda: è inaffidabile, combina troppi pasticci". Nuzzi ha raccontato che da quando la pierre gli  presentò il prelato, i suoi incontri con lui avvenivano quasi sempre senza di lei.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Piacenza, uccide la moglie a coltellate davanti al figlio 17enne

Il ragazzo ha chiamato la polizia. L'uomo ha provato a fuggire, poi si è costituito

Arresto latitante evaso da Rebibbia

Evaso a rischio radicalizzazione catturato: fuga in treno, tappa a Bologna

Fuggito da Milano, ha attraversato lo Stivale in treno. Preso a Palermo

La festa degli indiani Sikh a Brescia

Milano, nozze combinate in Bangladesh a 10 anni: mamma la salva

Il matrimonio organizzato dal padre tra la figlia e un 22enne. Ma la madre ha strappato i passaporti e denunciato il marito

migranti tratti in soccorso dalla MV Aquarius di MSF al largo della Libia

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene