Martedì 25 Ottobre 2016 - 12:30

Vaticano: Sì a cremazione, dopo esequie ceneri al cimitero

La Chiesa fissa le regole: "Meglio la sepoltura perché esprime una maggiore stima verso i defunti"

Vaticano: Sì alla cremazione ma le ceneri al cimitero e non in casa

La Chiesa fissa le regole sulla cremazione dei fedeli. "Laddove ragioni di tipo igienico, economico o sociale portino a scegliere la cremazione, scelta che non deve essere contraria alla volontà esplicita o ragionevolmente presunta del fedele defunto, la Chiesa non scorge ragioni dottrinali per impedire tale prassi, poiché la cremazione del cadavere non tocca l'anima e non impedisce all'onnipotenza divina di risuscitare il corpo e quindi non contiene l'oggettiva negazione della dottrina cristiana sull'immortalità dell'anima e la risurrezione dei corpi". La Congregazione per la Dottrina della Fede, approvata da Papa Francesco, ha messo a punto un vademecum sull sepoltura dei defunti e la conservazione delle ceneri in caso di cremazione. La linea è contenuta nel documento, dal titolo 'Ad resurgendum cum Christo' reso noto oggi in Vaticano.

INDICAZIONI LITURGICHE. La Chiesa - si legge - continua a preferire la sepoltura dei corpi poiché con essa si mostra una maggiore stima verso i defunti; tuttavia la cremazione non è vietata, "a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana". In assenza di motivazioni contrarie alla dottrina cristiana, la Chiesa, dopo la celebrazione delle esequie, accompagna la scelta della cremazione con apposite indicazioni liturgiche e pastorali, avendo particolare cura di evitare ogni forma di scandalo o di indifferentismo religioso.

CENERI NEI CIMITERI. Se viene scelta la cremazione "per motivazioni legittime" in ogni caso "le ceneri del defunto devono essere conservate di regola in un luogo sacro, cioè nei cimiteri" e "la conservazione delle ceneri nell'abitazione domestica non è consentita". Le ceneri in nessun caso "possono essere divise tra i vari nuclei familiari". La conservazione delle ceneri in un luogo sacro può contribuire a ridurre il rischio di sottrarre i defunti alla preghiera e al ricordo dei parenti e della comunità cristiana. In tal modo, inoltre, si evita la possibilità di dimenticanze e mancanze di rispetto, che possono avvenire soprattutto una volta passata la prima generazione, nonché pratiche sconvenienti o superstiziose.

ESEQUIE NEGATE. "Nel caso che il defunto avesse notoriamente disposto la cremazione e la dispersione in natura delle proprie ceneri per ragioni contrarie alla fede cristiana, si devono negare le esequie, a norma del diritto". La linea è contenuta nel documento, dal titolo 'Ad resurgendum cum Christo' reso noto oggi in Vaticano.  "Per evitare ogni tipo di equivoco panteista, naturalista o nichilista, non sia permessa la dispersione delle ceneri nell'aria, in terra o in acqua o in altro modo oppure la conversione delle ceneri cremate in ricordi commemorativi, in pezzi di gioielleria o in altri oggetti, tenendo presente che per tali modi di procedere non possono essere addotte le ragioni igieniche, sociali o economiche che possono motivare la scelta della cremazione".

PREFERENZA SEPOLTURA. La cremazione di un cadavere non è di per sé negazione della fede cristiana ma per la Chiesa resta "la preferenza della sepoltura dei corpi". Il documento spiega: "La prassi della cremazione - si legge nel documento del Vaticano - si è notevolmente diffusa in non poche nazioni, ma nel contempo si sono diffuse anche nuove idee in contrasto con la fede della Chiesa. Dopo avere opportunamente sentito la Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, il Pontificio Consiglio per i testi legislativi e numerose Conferenze episcopali e Sinodi dei vescovi delle Chiese Orientali, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha ritenuto opportuno la pubblicazione di una nuova Istruzione, allo scopo di ribadire le ragioni dottrinali e pastorali per la preferenza della sepoltura dei corpi e di emanare norme per quanto riguarda la conservazione delle ceneri nel caso della cremazione".

Seguendo l'antichissima tradizione cristiana, "la Chiesa raccomanda insistentemente che i corpi dei defunti vengano seppelliti nel cimitero o in altro luogo sacro. Nel ricordo della morte, sepoltura e risurrezione del Signore, mistero alla luce del quale si manifesta il senso cristiano della morte, l'inumazione - si sottolinea - è innanzitutto la forma più idonea per esprimere la fede e la speranza nella risurrezione corporale".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Esplosione palazzina via Villoresi 78 a sesto san giovanni

Milano, incidente sul lavoro: 4 operai intossicati in un'azienda di ferro

È successo nella fabbrica 'Lamina', in via Rho 9. Intervenuti i vigili del fuoco e 118

RIGIOPIANO UN ANNO DOPO | L'ultimo superstite: "Senza moglie, futuro e orfano dello Stato"

Parla Giampaolo Matrone che nella tragedia ha perso la moglie Valentina: "Farò di tutto perché mia figlia abbia sempre il sorriso"

Farindola, paese in lutto ai funerali di Alessandro Giancaterino

RIGOPIANO UN ANNO DOPO | Abusi edilizi e ritardi, i filoni dell'inchiesta

Sono 23 le persone indagate. Quattro ipotesi di reato: lentezza dei soccorsi, gestione emergenza neve, costruzione dell'albergo, mappa delle valanghe

RIGOPIANO UN ANNO DOPO | Professor Marcella: "Mio allarme inascoltato, ho ancora morte nel cuore"

Parla il ristoratore che provò, invano, a lanciare l'allarme per Rigopiano. Lo trattarono da uno che faceva scherzi inopportuni. Oggi ci soffre ancora