Venerdì 24 Marzo 2017 - 17:15

Vasto, 30 anni a Fabio Di Lello: uccise uomo che investì la moglie

L'omicidio lo scorso primo febbraio, la procura di Lanciano aveva chiesto l'ergastolo: il 34enne resta in carcere

Condannato a 30 ann Fabio Di Lello: uccise l'uomo che investì la moglie

Condanna di 30 anni per Fabio Di Lello, il 34enne che lo scorso primo febbraio aveva ucciso a Vasto (Chieti)  Italo d'Elisa, 22 enne che l'estate scorsa uccise investendola con la sua auto, la moglie di Di Lello, Roberta Smargiassi. La richiesta della procura di Lanciano era stata di ergastolo e isolamento diurno, per la malvagità della condotta dell'uomo. L'avvocato di Di Lello, Giovanni Cerella, annuncia ricorso entro 60 giorni presso la corte d'Assise d'appello de L'Aquila. Di Lello alla lettura della sentenza è scoppiato a piangere, spiega a LaPresse l'avvocato Cerella. Di Lello resta per ora nel carcere di Vasto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Navi Open Arms sbarcate a Palma: a bordo i due corpi e Josefa. Ong denuncia Libia e Italia per omicidio colposo

I cadaveri della donna e del bimbo, recuperati a largo delle coste della Libia, erano stati ripresi in un video choc pubblicato dall'ong su Twitter. La superstite tratta in salvo sarà affidata alle cure mediche. Nuovo sbarco a Lampedusa

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie