Giovedì 29 Giugno 2017 - 16:15

Vasco ringrazia Modena: Capitale mondiale del rock

Sabato il maxi concerto al Parco Ferrari

Vasco ringrazia Modena: Capitale mondiale del rock

"Grazie a Modena, al Comune e ai modenesi per la pazienza che avranno nell'accogliere questa moltitudine pacifica ed entusiasta. Grazie per avere avuto il coraggio di ospitare questo evento che diventerà una festa talmente epocale da rendere Modena capitale mondiale del rock. Sono orgoglioso e fiero di tutto questo". Con queste parole Vasco Rossi ha ringraziato la città durante un incontro con il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e la giunta comunale che si è svolto in vista del mega concerto di sabato al Parco Ferrari. All'incontro, durato circa un'ora, erano presenti anche la band, lo staff del rocker e il cantante degli Stadio Gaetano Curreri, storico amico di Vasco Rossi, coautore di alcune tra le canzoni più famose.

Il sindaco Muzzarelli ha a sua volta ringraziato il rocker: "Con la tua energia stai trasmettendo un messaggio in tutta Italia: sei un uomo della nostra terra, un grande artista e stiamo facendo un grande spettacolo per valorizzare te e la città di Modena. Ti ringrazio moltissimo della tua passione, dell'energia delle tue canzoni e della forza che stai mettendo per continuare a trasmettere emozioni".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dalla pagina Facebook degli AC/DC

Morto Malcolm Young, chitarrista e cofondatore degli AC/DC

Scomparso a 64 anni dopo una lunga malattia

Zucchero, 30 anni di carriera con 'Wanted': "Ora nuovo capitolo"

E dopo cinque anni, durante i quali in Italia ci sono stati solo gli show all'Arena di Verona, Fornaciari torna in tour

Sergio Sylvestre festeggia il Natale: esce 'Big Christmas'

Undici canzoni tipiche del periodo delle feste per tenere compagnia ai suoi fan sotto l'albero

Gianni Morandi al 40° album: "Mi piace ancora cantare l'amore"

Il traguardo con 'd'amore d'autore'. Il cantante chiama a raccolta otto autori per mettere in musica il "motore di tutte le cose"