Mercoledì 12 Luglio 2017 - 13:45

Valsusa, conducente: Non volevo uccidere, solo prendere targa

Maurizio De Giulio, che domenica ha travolto una coppia di motociclisti uccidendo una 26enne, è accusato di omicidio volontario

Val di Susa, il conducente: Non volevo uccidere, solo prendere targa

"Non volevo uccidere. L'intenzione era solo quella di prendere il numero di targa". Così al gip Maurizio De Giulio, l'uomo che domenica ha travolto una coppia di motociclisti in Valsusa, nel torinese, causando la morte di Elisa Ferrero. L'uomo è assistito da due nuovi legali, Marco Moda e Vittorio Nizza. La Procura di Torino ha chiesto al gip la convalida dell'arresto con permanenza in carcere con l'accusa di omicidio volontario.

"È completamente sconvolto, anche se sa che è nulla rispetto a quello che stanno passando i familiari", dice a LaPresse l'avvocato Moda. A proposito dell'episodio avvenuto nel 2015, quando De Giulio avrebbe aggredito la conducente di un altro veicolo, il legale precisa: "È una circostanza che non c'entra nulla ed è tutta da verificare, non c'è nessuna sentenza su quell'episodio".

 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, spara alla testa a una donna e poi si uccide

Torino, spara alla testa a una donna e poi si uccide in strada

Secondo le prime ricostruzioni il movente è sentimentale

Valsusa, è uscito dal coma Matteo, il ragazzo travolto dal furgone a Condove

Valsusa, è uscito dal coma il motociclista travolto dal furgone

Nell'incidente morì la sua giovane fidanzata Elisa Ferrero. Il conducente è in carcere con l'accusa di omicidio volontario

'Sei fidanzata con un africano': negoziante rifiuta lavoro a ragazza - Foto tratta dal profilo Facebook della giovane

'Sei fidanzata con un africano': negoziante rifiuta lavoro a ragazza

Dopo il caso di Paolo a Cervia, un nuovo triste episodio a Torino

Torino, evasi due giovani detenuti: non rientrano dopo permesso

Torino, evasi due giovani detenuti: non rientrano dopo permesso

Si tratta di un colombiano di 19 anni e un tunisino di 18 anni