Lunedì 29 Agosto 2016 - 09:45

Val d'Aosta, ancora tragedie sul Monte Rosa: morti due alpinisti

Ieri, sempre sul Monte Rosa, hanno perso la vita tre svizzeri

Val d'Aosta, morti due alpinisti sul Monte Rosa

Due alpinisti sono deceduti sul massiccio del Monte Rosa. A dare l'allarme è stata una guida del soccorso alpino che stava salendo sul Polluce. I corpi dei due alpinisti sono stati arristati sul passo di Verra, che si trova fra le vette del Castore e del Polluce. Dal soccorso alpino spiegano che si trovavano sul versante ovest e che sono stati raggiunti con l'elicottero e portati in Val d'Ayas, presso una camera mortuaria per gli accertamenti del caso. Si pensa che i due siano scivolati durante la progressione. Ora il soccorso alpino della guardia di finanza si occuperà dell'indentificazione e della ricostruzione della dinamica dell'incidente. I due alpinisti si trovavano a circa 3800 metri di altezza.

L'incidente arriva a distanza di circa 24 ore da un altro episodio analogo sempre sul Monte Rosa, nel quale hanno perso la vita tre alpinisti svizzeri.

I due alpinisti sarebbero precipitati per alcune centinaia di metri nella zone a monte della via normale di salita al Polluce, spiegano ancora dal soccorso alpino, perdendo il controllo su quello che viene chiamato uno 'scivolo'.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'Italia ancora nella morsa del freddo. Neve e venti forti

L'Italia ancora nella morsa del freddo: neve e venti forti

Nord nel gelo, centro-sud ed Emilia dovranno fare i conti con la neve

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

A trovarla è stato il marito, da chiarire il suo ruolo

Catania, arrestato il pericoloso boss Nizza

Catania, arrestato boss Nizza: era tra i 100 latitanti più pericolosi

Minniti soddisfatto: "Successo investigativo di alto livello"

Papa: Accogliamo migranti, anche noi siamo forestieri

Il Papa: Accogliamo i migranti, anche noi siamo forestieri

Francesco celebra così la giornata mondiale del Rifugiato