Mercoledì 01 Giugno 2016 - 20:45

Vaccino anti-cancro universale: primo test sull'uomo

La sperimentazione in Germania su tre pazienti con melanoma avanzato

Vaccino anti-cancro universale, primo test sull'uomo

Gli scienziati tedeschi hanno fatto un grosso passo in avanti nel tentativo di creare un vaccino universale contro il cancro, facendo per la prima volta un test sull'uomo con una tecnica che istruisce il sistema immunitario ad attaccare i tumori, secondo quanto pubblicato da uno studio sulla rivista 'Nature'. I ricercatori dell'università di Magonza sono riusciti a indurre dapprima risposte antitumorali nei topi e ora, in una prima fase sperimentale, anche negli esseri umani, in tre pazienti con melanoma avanzato. Sono state utilizzate nanoparticelle contenenti RNA di un tumore per simulare l'intrusione di un agente patogeno nel sangue e scatenare quindi una risposta autoimmune. Secondo il giornale, quanto tentato oggi "rappresenta probabilmente un passo avanti verso un vaccino contro il cancro universale". Finora gli scienziati avevano avuto difficoltà nel trovare efficaci meccanismi di vaccinazione perché le cellule tumorali sono simili per molti aspetti a quelle normali e quindi il sistema immunitario non le attacca.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Lancio di palloncini e Duomo illuminato di rosa per la ricerca contro il cancro

Un figlio dopo il cancro. Sette donne su dieci ci riescono

Uno studio di Institute Marques (Barcellona). Le tecniche lo permettono e la recidiva è molto bassa

Ospedale Molinette di Torino

Torino, trapianto di rene su paziente sveglio con rara malattia congenita

L'intervento di quasi 5 ore è avvenuto con sola anestesia combinata peridurale e spinale

"Integratori, come usarli": al via la campagna dell'UNC

A Milano la presentazione del progetto dell'Unione Nazionale Consumatori in collaborazione con l'AIIPA

Vaccini, battaglia Ue: "Basta morti, lotta a fake news e a no-vax"

La commissaria europea per la Salute Andriukaitis: "È scoraggiante vedere i bambini morire a causa della bassa aderenza"