Martedì 18 Aprile 2017 - 22:00

Vaccini, bufera su Report. L'ira di Lorenzin: E' disinformazione

Polemiche dopo la puntata dedicata al vaccino contro il Papilloma virus, proteste dal mondo scientifico

Vaccini, Report nella bufera. L'ira di Lorenzin. La replica: Mai detto che sono inutili

Report di nuovo al centro delle polemiche. La trasmissione di Rai3 ha dedicato la puntata andata in onda ieri sera al vaccino contro il Papilloma virus. Nella trasmissione  Report ha citato una review del Nordic Cochrane Center dell'anno scorso che accusava l'Agenzia europea del farmaco (Ema) di aver sottovalutato le reazioni avverse.

Netta e chiara la presa di posizione del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. "Diffondere paura propugnando tesi prive di fondamento e anti scientifiche è un atto di grave disinformazione ed è quanto ha fatto ieri sera la trasmissione di Rai3 Report, dedicata al vaccino contro il Papilloma virus, il primo vaccino contro il cancro che l'uomo è riuscito a produrre - ha tuonato il ministro che ha continuato: "Un vaccino sicuro e di grande efficacia, a differenza di quanto è stato fatto affermare sulla tv pubblica, senza alcun contraddittorio. Report ha dato spazio a teorie prive di base scientifica, instillando timore nei confronti di una pratica sicura, efficace e in grado di salvare migliaia di donne da un cancro aggressivo e spesso mortale".

LEGGI ANCHE La replica di Report: Sono utili ma si facciano in sicurezza

In mattinata si era espresso anche il dottor Roberto Burioni, professore del San Raffaele di Milano che sta portando avanti una grande battaglia contro gli antivaccinisti. "Report - scrive su Facebook  - ha dato spazio a teorie prive di base scientifica, a individui senza alcuna autorevolezza ed ha mescolato sapientemente possibili tangenti e ipotesi non confermate per ottenere un effetto abominevole: instillare timore nei confronti di una pratica medica sicura, efficace ed in grado di salvare migliaia di donne da una morte atroce".

Inevitabilmente si è mossa anche la politica. Il senatore Pd Francesco Verducci, vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai, ha annunciato che presenterà un'interrogazione urgente per verificare la correttezza della trasmissione. La senatrice Pd Francesca Puglisi chiama in causa il direttore generale Campo Dall'Orto. E Matteo Renzi si dice "completamente d'accordo con Burioni".

Unica voce fuori dal coro il Movimento Cinque Stelle. Dal suo blog Beppe Grillo ha sottolineato: "Il Pd non è intoccabile. L'Unità non è intoccabile. Benigni non è intoccabile. L'Ema non è intoccabile. La libera informazione invece è intoccabile. Report non chiuderà a causa della censura di regime che contamina altri programmi Rai (come il TG1), il Pd impari a rispettare l'informazione indipendente". "Come abbiamo detto ieri sera in onda: - ha continuato - l'inchiesta sull'anti-HPV non è contro l'utilità dei vaccini, si tratta in tema di prevenzione della scoperta più importante degli ultimi 300 anni. Abbiamo parlato di farmacovigilanza: cosa accade quando ti inietti il vaccino e hai una reazione avversa".

Pronta anche la risposta del conduttore del programma, Sigfrido Ranucci che su Facebook ha affermato: "Vacciniamoci perché è utile. Però vorremmo che tutti lo facessero nella maggior sicurezza possibile, che ci sia un sistema di farmacovigilanza che funzioni seriamente".

 

Scritto da 
  • Denise Faticante
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito