Venerdì 12 Maggio 2017 - 14:30

Vaccini, testo su obbligo a scuola entro la prossima settimana

La ministra Lorenzin: "Ho avuto conferma dal Presidente Gentiloni circa la volontà di avviare subito un approfondimento collegiale"

Vaccini, Governo presenterà il testo sull'obbligo nelle scuole entro prossima settimana

"Come annunciato ieri ho presentato all'attenzione del Consiglio dei Ministri il testo base di decreto legge sull'obbligo vaccinale nelle scuole. Durante la seduta ho avuto conferma dal Presidente Gentiloni circa la volontà di avviare subito un approfondimento collegiale, che è già iniziato tra i tecnici della Salute, del Miur e della presidenza del Consiglio, per arrivare a varare il decreto entro la prossima settimana". A dichiararlo in una nota il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. "Diamo tutti insieme una risposta concreta alla popolazione per la tutela della loro salute, dei loro figli e delle famiglie a fronte del drammatico calo della copertura vaccinale" ha aggiunto.

In una breve premessa prima del Consiglio dei ministri, a quanto si apprende, anche il premier Paolo Gentiloni ha detto che si lavora al provvedimento da portare nel prossimo Cdm. Nel governo, sottolineano fonti di palazzo Chigi, c'è unanimità di vedute fra tutti i ministri sull'obbligatorietà delle vaccinazioni.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

A Forza Italia la Vigilanza Rai: è Barachini il nuovo presidente

Al Copasir è stato invece eletto presidente Lorenzo Guerini, del Pd

Assemblea Nazionale del Partito Democratico

Commissioni, accordo chiuso: Guerini al Copasir, Barachini alla Vigilanza Rai

Dopo oltre due settimane di trattative, scontri, accuse e ricuciture, sembra essere finalmente giunto l'happy ending per le commissioni parlamentari di garanzia

Trapani, cominciato lo sbarco dei migranti dalla nave Diciotti

Sbarchi, la Spagna supera l'Italia, ma il primato dei morti resta nostro

I dati dell'Oim mostrano un crollo complessivo degli arrivi e una forte redistribuzione a favore di Spagna e Grecia