Mercoledì 09 Agosto 2017 - 11:30

Vacchi nei guai: sequestrate ville e yacht per 10 milioni

Dopo i pignoramenti, sono scattate le azioni esecutive di Banco Bpm

Vacchi nei guai: sequestrate ville e yacht per 10 milioni

Yacht, ville, azioni e quote del golf club Casalunga di Castenaso. Sono i beni pignorati a Gianluca Vacchi e ora di proprietà di Banco Bpm. Lo riporta questa mattina 'Qn' spiegando che, dopo i pignoramenti di beni per 10 milioni e mezzo di euro, eseguiti tempo fa da Verona, in questi giorni sono scattate le azioni esecutive della banca.

GUARDA IL VIDEO Extra lusso a Miami: ecco la casa di Gianluca Vacchi

Mr. Enjoy, con i suoi 12 milioni di follower su Instagram, si troverebbe quindi in grossi guai finanziari a causa di un prestito da dieci milioni e mezzo di euro ottenuto dalla First Investment spa, la holding di partecipazioni di cui Vacchi è amministratore unico. 

Ma questa non sarebbe l'unica lite finanziaria che vede la star del web protagonista. Sempre secondo quanto riporta 'Qn', Vacchi ha avuto un contenzioso anche con la Popolare di Vicenza per colpa di una villa a Porto Cervo, un mutuo di 6 milioni di euro ottenuto dall’istituto all’epoca guidato da Gianni Zonin e non interamente restituito.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Carabinieri sul luogo di un omicidio in Via Marx 495 a Sesto San Giovanni

Uscire da soli alla sera: un quarto degli italiani ha paura

I dati del'Istat sulle insicurezze dei cittadini. Meno della metà (44%) dichiara di sentirsi tranquilli per strada al buio

Panico tra la folla che assisteva alla finale di Champions Legaue tra Juve e Real Madrid in Piazza San Carlo

Torino, fatti di piazza San Carlo: chiesto rinvio a giudizio per Appendino

La decisione della procura coinvolge anche altri 14 indagati

Presentazione di Eurosky Tower, primo grattacielo della capitale

Stadio Roma, si lavora sul telefono di Lanzalone. Scarcerato braccio destro di Parnasi

Non si ferma il lavoro degli inquirenti. Caporilli aveva ammesso la dazione di alcune somme di denaro ad almeno un funzionario responsabile dei pareri al progetto