Venerdì 02 Dicembre 2016 - 10:45

Usurai seviziano imprenditore per 4 giorni: 5 arresti

Prelevato da ropria abitazione e condotto in uno scantinato a Nettuno

Usurai sequestrano e seviziano imprenditore per 4 giorni: 5 arresti

I carabinieri di Anzio hanno arrestato quattro uomini e una donna, tutti residenti a Nettuno, ritenuti responsabili di aver sequestrato e seviziato un 42enne romano, pretendendo da lui una somma di denaro derivante da un prestito di poche migliaia di euro. La vittima aveva chiesto, tempo prima, un prestito che gli era stato concesso con tasso usuraio: non riusciva ad accontentare le continue richieste di denaro che arrivavano dal gruppo è così, poco più di un mese fa, è stato prelevato dalla propria abitazione di Roma e condotto nello scantinato di un bar di Nettuno. Lì è rimasto segregato per quattro giorni  e costretto a subire  pesanti violenze fisiche e verbali. Nel corso della prigionia, per indurlo alla restituzione del denaro, l'uomo sarebbe stato picchiato da tre uomini e una donna straniera, ex convivente della vittima.
Accompagnato in una località sul litorale romano, dove avrebbe dovuto incontrarsi con un conoscente per ottenere altro denaro in prestito per onorare il debito con i suoi aguzzini, approfittando di un momento di distrazione dei due carcerieri, si è dato alla fuga per poi chiedere aiuto al 112.

Le indagini dei carabinieri della compagnia di Anzio, coordinata dalla procura della Repubblica di Velletri, hanno permesso di raccogliere molteplici riscontri alla vicenda denunciata dalla vittima, tali da condurre il giudice per le indagini preliminari ad emettere l'ordinanza, oggi eseguita dai militari, con cui è stata disposta: la custodia cautelare in carcere per un 35enne con numerosi precedenti; gli arresti domiciliari per il fratello, 22enne con precedenti e per un 40enne incensurato, tutti e tre accusati di estorsione, usura, sequestro di persona e lesioni aggravate; con la sola accusa di lesioni sono stati invece sottoposti all'obbligo di dimora nel comune di Nettuno un 18enne incensurato e una donna di origini ucraine, con precedenti, ritenuti coinvolti nel sequestro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Roma, coppia gay denuncia: "Scontrino omofobo al ristorante". Licenziato il cameriere

A fine cena, il conto riportava la scritta 'No Pecorino, Si Frocio'. La giustificazione del locale: "È un errore del pc". Marrazzo (Gay Center): "Revocare la licenza". Il Campidoglio condanna il "gravissimo episodio"

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso